Convention Miafin, presentato il progetto di sviluppo societario

MiafinUn momento di riflessione condivisa sul futuro della mediazione creditizia, con interventi di rappresentanti delle istituzioni, addetti ai lavori, operatori del settore ed esperti. Questo, in estrema sintesi, è stato l’incontro organizzato da Miafin il 19 dicembre a Lauro, nella Certosa di San Giacomo, con la collaborazione di Simplybiz.

Quattro le parole chiave intorno alle quali si è sviluppato l’evento: “indipendenza”, “qualità”, “multicanalità”, “progetto originale”. Temi sui quali si sono confrontati i relatori presenti: Federico Luchetti, direttore generale dell’Oam; Antonio Vecchione, dell’Università Studi di Salerno; Fabio Santoro, responsabile reti agenti e mediatori Compass; Alessandro Galli, responsabile coordinamento partnership Ibl Banca; Paolo Carini, responsabile area confidi Luiss Business School; Vito Tafuro, direttore commerciale Miafin.

Nel corso del suo intervento Luchetti ha offerto una panoramica degli operatori presenti oggi sul mercato dell’intermediazione del credito, sottolineando che mentre la ratio della riforma introdotta tramite il decreto legislativo 141 del 2010 era quella di offrire spazio a mediatori di grandi dimensioni, oggi sono attivi solo 11 soggetti con oltre 100 collaboratori e meno di 20 con oltre 50, su un totale di quasi 290 iscritti negli elenchi. In un contesto così frammentato, ha sottolineato il direttore dell’Oam, i mediatori sono chiamati a concentrarsi soprattutto sulla qualità dei servizi offerti, con opportunità anche per gli operatori di piccole dimensioni.

Successivamente Vecchione si è concentrato sul tema dell’abusivismo nel settore del credito, mentre Santoro e Galli hanno illustrato il rapporto tra Compass e Ibl Banca con le reti di mediazione, evidenziandone le peculiarità. In particolare Galli ha richiamato l’attenzione della platea sulla scelta in controtendenza di Ibl Banca in relazione al prodotto cessione del quinto.

La parola è quindi passata a Paolo Carini, che ha messo in evidenza le opportunità che il mutato quadro economico e legislativo offre oggi ai mediatori, concentrandosi nella seconda parte dell’intervento sul ruolo dei confidi nella filiera del credito.

Miafin 3L’ultimo intervento è stato quello di Vito Tafuro, che ha presentato ai presenti il progetto di Miafin per il 2015.

Come spiegato dal direttore commerciale, Miafin ha definito un proprio modello specifico in relazione all’approccio al mercato, offrendo servizi specialistici e prodotti diversificati in funzione della tipologia di clientela e di mercato a cui sono destinati; all’organizzazione, creando un supporto centrale alla rete attraverso back office personalizzati e specializzati per tipologia di prodotto e tipologia di clientela e mercato; all’innovazione tecnologica, gestendo la rete attraverso uno strumento di controllo e monitoraggio della rete centrale e proprietario; alla rete stessa, incrementando la distribuzione in termini di numero delle risorse e di presidio del territorio.

Per il futuro, ha aggiunto tafuro, MiaFin intende perseguire l’obiettivo di consolidare i servizi esistenti che hanno reso la società uno dei primi player della mediazione creditizia in Italia oltre che strutturare nuovi servizi ad alto contenuto professionale e specialistico.

In quest’ottica la società sta definendo e mettendo a regime un modello organizzativo che mira a mantenere un forte presidio centrale delle attività. La struttura definita vuole essere di supporto e presidio a tutte le attività della rete offrendo servizi di Back Office specialistici e di controllo di conformità per tutte le tipologie di operazioni trattate siano esse realizzate in base a convenzioni con istituti creditizi siano esse realizzate direttamente a supporto della clientela per la ricerca di prodotti creditizi specializzati in funzione delle esigenze del cliente.

Altro obiettivo che Miafin intende perseguire e quello di presidio e monitoraggio delle attività della rete in termini di regolarità amministrativa, di compliance normativa e produttività. Il fine e quello di ottenere garanzia di servizio, garanzia di rapidità di risposta al cambiamento, certezza della filiera del servizio, garanzia di controllo, garanzia di conformità.

Per quanto riguarda l’innovazione tecnologica, MiaFin ha scelto di sviluppare in maniera proprietaria e su misura la piattaforma informatica per la raccolta delle pratiche e per la gestione della rete. La piattaforma è in grado di supportare il controllo e l’indirizzo delle attività in ambito: organizzazione, commerciale, mercato, prodotto, governo e controllo.

In relazione alla rete la società sta perseguendo la crescita sia in termini di presidio del territorio sia in termini di numerosità delle risorse. L’obiettivo nel prossimo triennio è di fare crescere la rete di circa cento unità con l’apertura di circa cinquanta punti fisici sul territorio.

Miafin 2La funzione di gestione della rete è considerato un elemento strategico per il successo di Miafin nei prossimi anni. Il modello prevede lo sviluppo di diversi strumenti: definizione delle politiche retributive, dei percorsi di carriera e dei sistemi di Mbo; creazione del percorso di responsabilizzazione degli operatori di rete; definizione degli strumenti di retention; analisi e gestione della produttività della rete; percorsi di formazione tecnica e manageriali e creazione del senso di appartenenza; revisione del modello di compliance contrattuale, documentale e verifiche ispettive sull’operato della rete. La società punta ad avere una rete ben distribuita a livello nazionale. L’obiettivo è creare presidi nelle regioni e province non dove la società non è attualmente presente, aumentando i collaboratori di circa 60-80 unità nel prossimo triennio.

A chiudere l’incontro è stata la consegna di tre premi: Miafin Mediazione Creditizia Srl (vincitori: Cristina Ferraiuolo/Rossano Torzolini; Alfano Stefania/Orlando Pergamo); Ibl Banca Spa (vincitori: Marra Antonella; Michele Artiglio; Anita Torre); Compass Spa (vincitori: Umberto Tafuro; Giuseppe Frontoso; Michele Troianiello).

Convention Miafin, presentato il progetto di sviluppo societario ultima modifica: 2014-12-23T20:51:22+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: