Coronavirus, dai confidi trentini oltre 9 milioni alle pmi

Credito 11 Confidi Organsimo confidi minori OcmAzioni rapide e procedure semplificate sono gli strumenti necessari per contrastare i pesanti danni patiti dall’economia a causa del Coronavirus. “Un principio che aziona i meccanismi di tutti gli strumenti messi a disposizione dalla Provincia e che ha consentito nell’ultimo mese di erogare contributi nella modalità della compensazione fiscale per quasi 4 milioni di euro”. Ad affermarlo è stato l’assessore allo Sviluppo Economico, Ricerca e Lavoro della provincia autonoma di Trento, Achille Spinelli, che ha ricordato come la compensazione fiscale si affianchi alle misure previste da #ripartitrentino, come l’accesso al credito ed i contributi a fondo perduto pensati per gli operatori dei vari settori economici.

 

Larticolo 14 della legge provinciale 2/2020 promuove la semplificazione e l’accelerazione delle procedure di erogazione dei contributi concessi in compensazione fiscale tramite i confidi trentini.

L’articolato di legge è stato poi tradotto in pratica dalla deliberazione 522 del 24 aprile scorso, seguita tecnicamente dai funzionari del Dipartimento Sviluppo Economico, ricerca e lavoro assieme a quelli di Apiae, Agenzia per l’incentivazione delle attività economiche.

Se attraverso queste azioni è stato possibile erogare nel solo mese di maggio contributi sotto forma di credito da utilizzare in compensazione fiscale per 3 milioni e 750.000 euro, va ricordato che attraverso lo stesso canale dal primo febbraio è stato erogato un volume complessivo di 6 milioni 570.000 euro.

“Nei prossimi 2 mesi – ha aggiunto Spinelli – sono attese ulteriori erogazioni per circa 6 milioni di euro. Ci rendiamo conto di quanto sia difficile la situazione e proprio per questo c’è il massimo impegno per assicurare a quante più imprese possibile quell’aiuto che in questo momento può risultare decisivo per assorbire il contraccolpo e reagire affrontando scenari giocoforza diversi”.