Oscar Cosentini, amministratore delegato Ibl Family: “Per il 2019 puntiamo a una produzione di 150 milioni, che arriveranno a 200 l’anno prossimo”

159

Cosentini, Ibl Family“La nuova denominazione sintetizza perfettamente i nostri elementi distintivi e conferma la nostra mission: essere al fianco delle famiglie. Ibl Banca è entrata nel capitale di Finanziaria Familiare con una quota del 9,9% nel 2015, quando la società era controllata da Tecnocasa Holding. Con il perfezionamento della recente operazione, la partecipazione è salita al 70%. Si tratta di un investimento che rientra nella strategia di consolidamento del Gruppo Ibl Banca nella sua attività core, i finanziamenti contro cessione del quinto dello stipendio e della pensione, in cui la banca è leader di mercato con una quota del 15% e con una storia e un’esperienza di oltre novanta anni. L’operazione risponde a una logica di rafforzamento commerciale e all’obiettivo di Ibl Banca di raggiungere nel medio termine una quota di mercato del 18-20%”. Oscar Cosentini, amministratore delegato di Ibl Family illustra le novità in programma per la nuova realtà.

Quali saranno i primi passi di questo nuovo corso?
La società potrà contare sulle competenze e sul supporto del leader di mercato, mentre l’aumento di capitale sostenuto da Ibl Banca, di 19 milioni di euro per un patrimonio complessivo di 24 milioni, consentirà di intraprendere una serie di azioni per sviluppare il business in modo significativo. A livello strategico, grazie alla nuova consistenza patrimoniale sarà importante soprattutto il passaggio a un modello che prevede il mantenimento dei crediti in portafoglio, ripercorrendo l’esperienza che ha consentito a Ibl Banca di crescere e posizionarsi ai vertici del mercato. Più nell’immediato, Ibl Family, che attualmente ha 50 dipendenti, nel suo insieme potrà trarre vantaggi dalla cultura aziendale e dall’appartenenza al Gruppo Bancario Ibl Banca, che in concreto significa non solo specifico know how, ma anche avanzate tecnologie per semplificare e velocizzare l’erogazione di prestiti con cessione del quinto, ampliamento di prodotti sempre nell’ambito dei finanziamenti personali, sinergie commerciali ad ampio raggio. La riorganizzazione della direzione commerciale e il potenziamento dell’area vendite concorreranno ad accrescere competitività ed efficacia di Ibl Family sul mercato.

Quali sono gli obiettivi per il 2019 e per il 2020?
Gli obiettivi per l’anno in corso prevedono una produzione di 150 milioni, mentre per il 2020 dovremmo arrivare a 200 milioni. Abbiamo un piano di sviluppo ambizioso, una squadra pronta a dare il massimo e due azionisti di spessore nei loro rispettivi settori, con una vision sinergica e in totale sintonia. Il mercato della cessione del quinto offre ancora importanti opportunità e con l’evoluzione al modello “originate to hold”, con il mantenimento dei crediti originati in bilancio, il piano quinquennale prevede di arrivare a un attivo di oltre 400 milioni di euro. Abbiamo grande entusiasmo e pensiamo ci siano tutte le condizioni perché Ibl Family possa raggiungere importanti traguardi.

Avete altri progetti in cantiere?
Dal punto di vista gestionale, intendiamo ottimizzare tutte quelle procedure interne ed esterne che consentono di offrire un servizio ancora più distintivo e di qualità, prestando attenzione a tutte le fasi, prima, durante e dopo la vendita, e sviluppare ulteriormente le metodologie focalizzate sul Crm, inteso come filosofia di approccio e fidelizzazione del cliente. La consulenza ai clienti, la trasparenza, la professionalità sono una priorità per Ibl Family, che vive con grande senso di responsabilità il ruolo di società dedicata al credito alle famiglie.Dal punto di vista commerciale, ci concentreremo in primis sull’incremento di erogazioni dirette di prestiti contro cessione del quinto e sulle aree di miglioramento nella distribuzione di prodotti terzi grazie a partnership con operatori di rilievo nel loro settore. Sarà molto importante anche la collaborazione con il Gruppo Tecnocasa e le sue società. Tecnocasa Holding ha mantenuto una partecipazione del 30% nel capitale di Ibl Family e rappresenta un grande valore aggiunto per la crescita della società.