Credem stanzia 25 mld per mutui, prestiti e leasing nel triennio 2022-2025

Credem LogoNel triennio 2022-2025 Credem metterà a disposizione delle famiglie e delle imprese clienti un plafond complessivo di oltre 25 miliardi di euro per finanziamenti e mutui a privati e aziende, credito al consumo e leasing. Lo ha annunciato oggi l’istituto di credito, precisando che le risorse, che saranno messe a disposizione dei clienti tramite le reti commerciali della banca (che comprendono 530 tra filiali, centri imprese e centri dedicati alla clientela small business), del polo private banking di gruppo (private banking Credem e Banca Euromobiliare) e la struttura distributiva di Avvera (società del gruppo specializzata in mutui e credito al consumo con 682 agenti finanziari e collaboratori).

I prossimi anni saranno cruciali per il sistema economico nazionale e l’obiettivo del gruppo sarà di continuare a supportare le famiglie e le imprese sostenendo la loro progettualità ed accompagnando le aziende nella transizione digitale ed ecologica, nella sostenibilità dello sviluppo industriale, nella sfida della competitività internazionale e della produttività”, si legge in un comunicato stampa.

All’interno del plafond complessivo, oltre 9 miliardi di euro saranno destinati ai privati (mutui, finanziamenti e credito al consumo) e 16,5 miliardi di euro saranno rivolti alle imprese (finanziamenti e leasing). Più nello specifico, per quanto riguarda le imprese, 2,5 miliardi di euro saranno indirizzati al supporto degli imprenditori nella partecipazione ai bandi statali e per finanziare i progetti di transizione ecologica e digitale, come previsto dagli obiettivi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) avviato dall’Italia per rilanciare l’economia dopo la pandemia di covid-19 favorendo lo sviluppo sostenibile e digitale del Paese. A tali risorse si aggiunge l’attività di supporto creditizio alle imprese da parte di Credemfactor, società del gruppo specializzata nel factoring.

“ll Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza offrirà alle aziende una straordinaria opportunità per accelerare il cambiamento e richiederà a tutto il sistema paese uno sforzo di programmazione di lungo periodo – ha dichiarato Massimo Arduini, responsabile commerciale Credem Banca -. Credem è pronta a raccogliere questa sfida, crediamo che la banca debba essere partner finanziario, ma soprattutto un partner per i progetti di cambiamento, crescita ed internazionalizzazione, permettendo alle pmi di sfruttare gli strumenti che lo stato metterà a disposizione sotto forma di crediti di imposta, di tassi agevolati e di garanzie pubbliche in favore dell’accesso al credito. A questo si aggiunge la necessità di sostenere le imprese con servizi di consulenza erogati da partner qualificati che siano in grado di aiutarle ad orientarsi nel complesso quadro dei provvedimenti governativi e a cogliere tutte le opportunità che ne derivano in modo strategico”.

Il gruppo, inoltre, ha sottoscritto con Warrant Hub (gruppo Tinexta), società di consulenza nei servizi integrati a sostegno dei progetti di sviluppo industriale, un accordo per permettere alle imprese clienti con fatturato superiore ai cinque milioni di euro di ottenere una consulenza professionale per posizionare l’azienda nel quadro di agevolazioni e bandi attivi in ambito governativo, aiutandole così a cogliere al meglio tutte le opportunità. 

Nel 2021 il gruppo ha confermato il forte sostegno alla clientela con i prestiti complessivi che si sono attestati a fine anno a 33,2 miliardi di euro in crescita del 13,2% rispetto all’anno precedente, di cui nuovi mutui casa per 1,9 miliardi di euro (+1,2% rispetto al 2020). Più in dettaglio, sono stati erogati prestiti a tutti i segmenti della clientela imprese (dalle piccole attività alle grandi aziende) per 13,8 miliardi di euro (+8% a/a). Leasing e factoring sono risultati a fine 2021 in costante crescita con lo stock dei crediti da locazione finanziaria che ha raggiunto i 2,6 miliardi di euro (+8%) per Credemleasing e 4,5 miliardi di euro (+17% a/a) di flussi lordi di crediti ceduti dalla clientela (turnover) per Credemfactor.