Credito, Abi: con Progetti investimenti Italia 5,7 miliardi alle Pmi

Abi Logo BuonoCresce in Italia la capacità di sostenere la domanda di credito delle piccole e medie imprese. Grazie a “Progetti investimenti Italia”, al 31 maggio 2015 sono state accolte 19.403 domande di finanziamento, per un controvalore erogato di 5,7 miliardi di euro su un plafond complessivo di 10 miliardi, destinato alle Pmi in bonis che intendano effettuare investimenti in beni materiali e immateriali strumentali all’attività di impresa. Lo ha reso noto l’Abi, sottolineando che l’iniziativa finalizzata a favorire la crescita degli investimenti delle imprese è stata rinnovata con il recente Accordo per il Credito 2015.

“Lutilizzo delle risorse messe a disposizione – ha spiegato l’Abi – è un segnale importante nella prospettiva di ripresa della domanda di credito per investimenti e rilancio economico dell’Italia”.

Analizzando nel dettaglio le richieste di finanziamento presentate e accolte, si rileva che il 77,7% delle domande riguarda investimenti in beni materiali. Considerando le sole richieste accolte, quelle ‘coperte’ dal Fondo di garanzia per le Pmi, dall’Ismea o dalla Sace, nonché dai Confidi, rappresentano il 18,4%.

Nell’ambito dei finanziamenti erogati quelli di durata superiore a tre anni sono pari al 73,3% per cento. Disaggregando inoltre i dati per tipologia d’impresa emerge che:

–      il 40,7% dei finanziamenti è riferito a imprese del settore ‘industria’;

–      il 29,5% dei finanziamenti è riferito a imprese del settore ‘commercio e alberghiero’;

–      il 7,7% dei finanziamenti è riferito a imprese del settore ‘artigianato’;

–      il 4,7% dei finanziamenti è riferito a imprese del settore ‘edilizia e opere pubbliche’;

–      il 3,8% dei finanziamenti è riferito a imprese del settore ‘agricoltura’;

–      il restante 13,6% ad aziende del comparto ‘altri servizi’.

Credito, Abi: con Progetti investimenti Italia 5,7 miliardi alle Pmi ultima modifica: 2015-07-19T12:52:47+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: