Credito, presentato a Napoli il nano-prestito, strumento per combattere l’esclusione finanziaria di famiglie e piccole imprese

Un momento della prima Giornata nazionale della microfinanza

Un momento della prima Giornata nazionale della microfinanza

“Vedo il microcredito come uno strumento di sviluppo prima ancora che uno strumento contro la povertà, l’usura, e può essere uno dei pilastri su cui edificare la ripresa del Paese”. Queste le parole di Ercole Pellicanò, presidente della Commissione nazionale credito al consumo e microcredito, a margine della prima Giornata nazionale della microfinanza, organizzata a Napoli da Finetica onlus e Rete italiana microfinanza (Ritmi), presso il salone delle assemblee del Banco di Napoli.

“Purtroppo – ha proseguito Pellicanò – se da una parte c’è una forte sensibilità per questo strumento, dall’altra si trascurano due punti fondamentali, il Sud e il microcredito che dovrebbe alimentare quella fascia di imprese che hanno un fatturato inferiore a 2 milioni e meno di 10 dipendenti: di questa realtà purtroppo si parla poco, eppure l’occupazione di quest’area è del 70% delle forze attive nell’ambito delle Pmi. Significa che se non si scuote quest’area, e si parla solamente di piccole medie imprese, quelle che hanno un fatturato superiore ai 10 milioni di euro, si sbaglia, perché se le micro imprese non riprendono a camminare la disoccupazione non si riduce”.

Gianpietro Pizzo, presidente di Rete italiana microfinanza, ha sottolineato che “la situazione di esclusione finanziaria in Italia è veramente drammatica, siamo al 25%, significa che 1 italiano su 4 ha problemi di accesso a servizi finanziari di base. È un problema di cittadinanza, quindi bisogna trovare soluzioni che esistono, in Italia e in giro per il mondo, perché la microfinanza è una grande innovazione sociale sperimentata in molti Paesi, occorre quindi affrontare la questione del ‘come’ il credito può tornare ad essere un’opportunità per chi ha dei progetti, per chi ha dei bisogni finanziari”.

Nel corso del convegno l’invito ad utilizzare più massicciamente i fondi europei a favore del microcredito. “L’utilizzo dei fondi strutturali – ha aggiunto Pizzo – è un messaggio che arriva dall’Europa, ed è molto incoraggiante, perché le istituzioni europee hanno riconosciuto nella microfinanza uno strumento efficace nella lotta all’esclusione ma soprattutto nella creazione di posti di lavoro”.

Per Roberto Parmeggiani della Banca d’Italia il microcredito deve essere inteso come “uno strumento nuovo che trova un riconoscimento nella legislazione, per cui faremo partire questo nuovo elenco di soggetti che si dedicheranno a questa attività. La Banca d’Italia eserciterà i controlli per assicurare che tutto avvenga nel migliore dei modi”.

L’assessore regionale al Lavoro, Severino Nappi, ha spiegato: “In questi anni abbiamo fatto concorrenza sleale alle banche sul microcredito perchè abbiamo finanziato senza garanzia e senza interessi chi aveva la voglia di mettersi in proprio e non aveva strumenti. Una misura che ha avuto un significativo successo; ora sono pronti altri 20 milioni, il bando è già operativo e riguarderà stavolta i comuni fino a 5.000 abitanti, e in più c’è una misura di assistenza tecnica perchè mettere un’impresa in piedi è una cosa significativa ma deve anche poi avere gli strumenti per poterla fare andare avanti”.

Il nano-prestito

Nel corso della giornata è stato presentato un nuovo prodotto finanziario studiato per aiutare singoli e famiglie in difficoltà economiche: il nano-prestito. Promotori del progetto Finetica, Banca Etica e Mediocredito Europeo, che sotto la supervisione del ministero dell’Economia hanno ideato una forma di finanziamento innovativa, che prevede la concessione di prestiti di importi non superiori a 2.500 euro, grazie ai quali sarà possibile evitare a famiglie o piccole aziende in crisi di finire nelle mani degli usurai.

Nel concreto i finanziamenti saranno erogati da Mediocredito e Banca Etica, e avranno un Taeg di almeno un punto percentuale inferiore a quello legale. La durata massima del prestito sarà di 30 mesi, mentre la rata massima di pagamento non sarà superiore a 100 euro mensili.

L’iniziativa sarà avviata nei prossimi giorni con le prime 50 famiglie residenti nel territorio della diocesi di Nola, con un budget di 10.000 euro. “Il confronto di oggi – ha sottolineato Nello Tuorto, direttore generale di Finetica – vuole essere un momento di riflessione e di confronto tra diversi stakeholder del settore nel tentativo di cercare insieme le soluzioni migliori per rispondere ai diffusi e insoddisfatti bisogni di accesso a piccoli prestiti da parte di un numero sempre maggiore di imprese, famiglie e persone, fortemente a rischio di esclusione finanziaria e sociale, o, peggio ancora, di diventare vittime dell’usura e del racket soprattutto nelle regioni meridionali del nostro Paese”.

Credito, presentato a Napoli il nano-prestito, strumento per combattere l’esclusione finanziaria di famiglie e piccole imprese ultima modifica: 2015-02-02T11:51:04+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: