Cresce il divario di indebitamento tra ricchi e poveri

È sempre più marcato negli Stati Uniti il divario di indebitamento tra cittadini ricchi e poveri. E mentre la maggior parte degli americani non è mai stata così sommersa dai debiti, negli ultimi decenni le pendenze contratte dai cittadini più agiati sono andate calando significativamente.

Secondo una ricerca del Fondo monetario internazionale, nel 1983 il 95% del Paese si indebitava 60 centesimi per ogni dollaro guadagnato, mentre nel 2007 per ogni 1,4 dollaro. Le statistiche sono diverse per il 5% più ricco degli americani, il cui indebitamento è calato da 80 a 65 centesimi per ogni dollaro guadagnato nello stesso arco di tempo.

Al giorno d’oggi gli americani hanno accumulato oltre 700 miliardi di dollari di debiti legati alla carta di credito e una cifra simile per quelli relativi all’automobile e agli studi universitari. Livelli eccessivi di indebitamento hanno portato molte famiglie a non rendersi conto della propria situazione finanziaria e vivere al di sopra delle possibilità. Una fetta consistente di chi crede di appartenere alla classe media, come mostrano diverse analisi, si trova invece in una condizione più precaria e non sarebbe in grado di affrontare una situazione di emergenza.

Cresce il divario di indebitamento tra ricchi e poveri ultima modifica: 2012-05-03T15:26:44+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: