Crif: richieste di credito delle imprese tornano ai livelli del 2019

Crif LogoDopo una lunga fase caratterizzata dall’emergenza sanitaria, che aveva indotto le imprese a rivolgersi con insistenza agli istituti di credito per far fronte al calo dei flussi di cassa, il progressivo consolidamento della ripresa economica ha alleggerito le tensioni sul fronte della liquidità tanto che nel secondo trimestre del 2021 le richieste di credito hanno registrato una contrazione del 38,5% rispetto al secondo trimestre del 2020 riallineandosi ai livelli del 2019. È quanto emerge dall’analisi delle istruttorie di finanziamento registrate su Eurisc, il sistema di informazioni creditizie gestito da Crif.

“Già alla fine del 2019 quasi la metà delle imprese italiane presentava situazioni di liquidità delicate e senza particolari margini di manovra per cui uno shock tanto imprevisto quanto violento come quello causato dalla pandemia da Covid-19 aveva determinato un deciso incremento delle richieste di credito da parte delle imprese per far fronte alle esigenze finanziarie di breve termine – commenta Simone Capecchi, executive director di Crif   -. Così, per quattro trimestri consecutivi, i volumi di richieste di credito sono stati decisamente sostenuti. Solo nel secondo trimestre del 2021 si registra, grazie alle prospettive di ripresa economica, un’inversione di tendenza. Al contempo è aumentato in modo significativo l’importo medio dei finanziamenti, a conferma di una crescente propensione delle imprese a frazionare meno le richieste, rivolgendosi primariamente agli istituti di riferimento con i quali intrattengono rapporti abituali”.

Andamento delle richieste di credito da parte delle imprese italiane

Entrando nello specifico, il trend in atto riguarda sia le società di capitali, che nei primi tre mesi dell’anno hanno fatto segnare un -29,8%, sia le imprese individuali, per le quali la contrazione è stata del 50,2%.

Il report di Crif sottolinea, inoltre, come in questi mesi si sia registrata una consistente flessione per i mutui immobiliari richiesti dalle imprese, con un -62% nel primo semestre rispetto al corrispondente periodo 2020, e per i prestiti personali (-31%). Più contenuta la contrazione rilevata per i fidi (-14%) e per le carte (-9%) mentre i prestiti finalizzati all’acquisto di beni e servizi sono l’unica tipologia di finanziamento ad aver fatto segnare un incremento delle richieste (+54%).

“Il progressivo miglioramento dello scenario economico e le misure straordinarie varate dalle istituzioni hanno contribuito in modo decisivo a contenere la rischiosità del comparto. In particolare, un ruolo fondamentale è stato giocato dalla moratoria che ha consentito alle imprese in difficoltà di congelare il rimborso dei finanziamenti in essere. Relativamente al comparto business, la dinamica registrata da CRIF mette in evidenza come il 17,5% dei contratti di finanziamento alle aziende abbia beneficiato della sospensione delle rate ma ad oggi rimangono in essere solo circa il 50% del totale dei provvedimenti attivati per le imprese”, prosegue Capecchi.

In crescita l’importo medio richiesto

Dall’ultimo aggiornamento del Barometro Crif emerge anche un forte incremento dell’importo medio richiesto (addirittura +91,3%), che nel secondo trimestre dell’anno si è attestato a 98.689 euro.

Per quanto riguarda le imprese individuali, che rappresentano la spina dorsale del tessuto economico e produttivo nazionale, le richieste di credito hanno visto un importo medio pari a 35.894 euro (+69% rispetto al corrispondente periodo 2020).

Per le società di capitali, invece, l’importo medio richiesto ammonta a 131.941 euro, segnando un incremento del +77,7%.

Se in questa fase è calato in modo significativo il numero di richieste di credito presentate agli istituti, il contestuale deciso aumento del valore medio dei finanziamenti trova una spiegazione nella possibilità da parte delle imprese di interloquire con la propria banca di riferimento confidenti di poter trovare riscontro positivo, senza dover necessariamente frazionare l’importo in diverse tranche da allocare su più banche.

Andamento regionale delle richieste di credito dalle imprese

A livello regionale, nel secondo trimestre del 2021 il Barometro Crif registra contrazioni particolarmente significative delle richieste di credito soprattutto nelle Marche (-30,4%), Basilicata (-26,5%) e Liguria (-23,0%), mentre solo la Sardegna (+0,6%) ha fatto registrare un lieve incremento.

Il Trentino-Alto Adige, invece, è la regione caratterizzata dall’importo medio più elevato (153.156 euro), seguita da Lombardia (108.901 euro) e Lazio (106.650 euro). All’opposto, l’ammontare più basso è stato riscontrato in Valle D’Aosta (43.506 euro), Sicilia (56.195 euro) e Sardegna (63.554 euro).

Regione

Variazione Numero crediti richiesti

Importo medio richiesto

ABRUZZO

-16,9%

€ 85.579

BASILICATA

-26,5%

€ 66.197

CALABRIA

-13,4%

€ 70.470

CAMPANIA

-11,0%

€ 77.841

EMILIA-ROMAGNA

-12,2%

€ 79.235

FRIULI-VENEZIA GIULIA

-16,8%

€ 86.841

LAZIO

-5,1%

€ 106.650

LIGURIA

-23,0%

€ 70.938

LOMBARDIA

-19,2%

€ 108.901

MARCHE

-30,4%

€ 73.822

MOLISE

-17,1%

€ 83.069

PIEMONTE

-21,4%

€ 71.648

PUGLIA

-18,5%

€ 77.375

SARDEGNA

+0,6%

€ 63.554

SICILIA

-1,2%

€ 56.195

TOSCANA

-21,0%

€ 80.138

TRENTINO-ALTO ADIGE

-0,1%

€ 153.156

UMBRIA

-16,9%

€ 82.372

VALLE D’AOSTA

-18,1%

€ 43.506

VENETO

-11,3%

€ 95.356

Fonte: Eurisc – Il sistema Crif di informazioni creditizie