Dalla Regione Abruzzo 14 milioni al sistema dei confidi

Credito 2Grazie alla firma della convenzione tra la Regione Abruzzo e i confidi operanti sul territorio, avvenuta nei giorni scorsi a Pescara, presso la sede dell’assessorato allo Sviluppo economico, il sistema dei consorzi di garanzia dei fidi beneficerà di 14 milioni di euro.

Si tratta, informa una nota, di fondi statali rientranti nel Programma Operativo del Fondo sviluppo e Coesione (Par-Fsc 2007/2013). Risorse che i confidi, che svolgono attività di intermediazione finanziaria, dovranno utilizzare in tre annualità per rilasciare nuove garanzie in favore di tutte le micro e medie imprese abruzzesi loro socie o che intendono associarsi. Regista dell’operazione il vice presidente della giunta regionale ed assessore allo Sviluppo economico, Giovanni Lolli.

“Le procedure si possono sempre migliorare – ha spiegato Lolli secondo il sito primadanoi.it – ma quello che conta è che ora i fondi ci sono e rappresentano un’altra bella boccata d’ossigeno per il sistema delle micro e medie imprese dopo il finanziamento di 18 milioni di euro derivanti dal Por Fers erogato sempre attraverso i confidi”. 

Grazie ai 14 milioni di fondi Apar-Fsc, i piccoli imprenditori abruzzesi potranno così ottenere maggiori garanzie presso gli istituti bancari convenzionati con i confidi per le seguenti tipologie di finanziamento: investimenti, richiesta di capitale circolante, consolidamento di debiti a breve termine (oneri fiscali, previdenziali, fornitori, arretrati per il personale dipendente) ed operazioni di anticipi di crediti vantati nei confronti delle pubbliche amministrazioni.

Dopo la firma della convenzione Lolli ha anche assicurato che, entro fine anno, sarà organizzato un seminario di studi sul credito con la finalità di favorire un maggior coinvolgimento e una maggiore attenzione del mondo bancario al sostegno del sistema delle micro e medie imprese abruzzesi.

Dalla Regione Abruzzo 14 milioni al sistema dei confidi ultima modifica: 2014-11-13T18:05:39+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: