Dall’Abi 2 miliardi per salvare le banche a rischio di liquidazione

Abi Logo BuonoAmmonta a 2 miliardi di euro la cifra stanziata dall’Abi per il salvataggio delle quattro banche italiane a rischio di liquidazione: Banca Marche, CariFerrara, Banca Etruria e CariChieti.

“Le banche italiane sono determinate al salvataggio di quattro istituti di credito italiani e decise a destinare risorse per circa due miliardi di euro – ha spiegato Antonio Patuelli, presidente dell’associazione delle banche -. Più che pagare di tasca propria, cosa si possono inventare? Lo vogliamo fare subito, entro l’anno. Se non ci fosse questa determinazione il fondo interbancario non avrebbe già fatto da otto mesi tutte le delibere del caso”.

Patuelli si era mostrato molto critico nei confronti della Commissione europea, che aveva sollevato dubbi su eventuali interventi volti a salvare i quattro istituti da parte del Fondo interbancario, paventando una violazione delle leggi Antitrust e, in sostanza, l’erogazione da parte dell’Italia di aiuti di stato.

Il numero uno dell’Abi aveva sottolineato di essere pronto a un ricorso, qualora l’Ue avesse deciso di opporsi al salvataggio di questi istituti: “leggeremmo le carte con grande attenzione; siamo fortemente europeisti ma non siamo europeisti acritici. Abbiamo consapevolezza dei nostri doveri e dei nostri diritti, ma anche del fatto che le autorità di Bruxelles non sono superiori ai trattati”.

 

Dall’Abi 2 miliardi per salvare le banche a rischio di liquidazione ultima modifica: 2015-11-20T10:57:38+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: