Dedagrup, accordo con credit unions americane per favorire l’inclusione finanziaria

Dedagroup LogoDedagroup, tra i principali player dell’Ict made in Italy, annuncia di aver siglato, attraverso la società controllata Epl, un accordo con la Federazione nazionale delle credit unions (Cdcu) per lo sviluppo di Cu Impact, una piattaforma software bancaria che consentirà alle cooperative di credito americane di offrire servizi finanziari a costi accessibili ai consumatori a basso reddito.

Aprire il sistema finanziario alle fasce sociali più deboli, liberando il loro potenziale economico e supportare la Federazione nell’evoluzione del proprio modello di business permettendole di offrire nuovi servizi. Questo in estrema sintesi l’obiettivo del progetto, realizzato con il sostegno di Citi e Kellogg Foundation.

Ogni anno, si legge in una nota, 90 milioni di americani che vivono in famiglie che non accedono o quasi ai servizi bancari pagano più di 90 miliardi di dollari in commissioni e interessi su prestiti a istituti di credito a breve termine e ad altri intermediari al di fuori dei circuiti finanziari tradizionali. Cu Impact permetterà ai  membri della Cdcu di ampliare  l’offerta di prodotti e servizi bancari a prezzi accessibili, e di raggiungere un numero più ampio di famiglie attualmente scarsamente servite.

Dedagroup e Epl, in collaborazione con la Federazione Nazionale delle Credit Unions rivoluzioneranno il modo in cui le cooperative di credito saranno in grado di servire le comunità a basso reddito negli Stati Uniti, grazie ad una tecnologia che ha la capacità di innovare, sviluppare, e trasformare in modo flessibile i prodotti e servizi che le Credit Unions possono offrire. Una tecnologia che incorpora l’esperienza italiana del credito cooperativo“, ha sottolineato Gianni Camisa, ceo di Dedagroup e chairman of the board di Epl.

Lo sviluppo di Cu Impact combinerà il know-how della Federazione Nazionale delle Credit Unions nel rapporto con i consumatori con nessuno o scarso accesso ai servizi bancari con le competenze tecnologiche e l’esperienza di Dedagroup ed Epl nell’accompagnare l’evoluzione digitale dei modelli di business dei propri clienti.

“Cu Impact – ha spiegato Cathie Mahon, presidente e ceo della Federazione Cdcu – cambierà la percezione di cooperative di credito, partner della comunità, finanziatori, governi locali e autorità di regolamentazione della capacità del nostro settore di migliorare la vita dei consumatori a basso reddito. Le cooperative di credito di ogni dimensione saranno in grado di condividere e replicare l’impatto di programmi locali di successo, e la Federazione potrà concentrarsi su innovazioni di prodotto e investimenti con impatto a livello nazionale”.

Cu Impact in particolare servirà le cooperative associate alla Federazione Cdcu, che forniscono  accesso al credito, risparmio, servizi di intermediazione e consulenza finanziaria a più di 5 milioni di residenti di comunità a basso reddito nelle città e comunità rurali in tutti gli Stati Uniti,  gestendo asset per oltre 52 miliardi di dollari.

Il progetto Cu Impact è stato avviato nel 2013, quando Citi Community Development, la fondazione no profit del gruppo Citi, ha fornito sostegno finanziario e competenze alla Federazione Cdcu per determinare la fattibilità dello sviluppo di un sistema di core banking dedicato a supportare la crescita e il ruolo delle cooperative di credito. Citi continua a sostenere con convinzione questo progetto.

Fino ad ora – ha dichiarato Bob Annibale, global director di Citi Inclusive Finance and Community Development – le cooperative di credito che servono le famiglie a basso reddito hanno utilizzato sistemi di elaborazione frammentati e ad alto costo, limitando la loro capacità di lanciare prodotti e servizi scalabili progettati per rafforzare il patrimonio di soci a basso reddito. La nuova soluzione tecnologica, modulare e flessibile, fornirà alle cooperative di credito uno strumento capace di garantire qualità e affidabilità nei processi interni, nel trattamento, reporting e analisi dei dati, mentre condivisione dei costi ed efficienza derivanti da una piattaforma comune permetteranno ai soci di concentrare le risorse sui servizi ai clienti”.

La Federazione Cdcu ha recentemente annunciato l’adesione al progetto anche da parte di Kellogg Foundation, che ha fornito un finanziamento di circa 600 mila dollari finalizzata a sostenere miglioramenti a CU Impact nel campo dell’automazione di piccoli prestiti in dollari e conti di risparmio assistiti.

Siamo entusiasti di supportare questo progetto – ha aggiunto  Carla D. Thompson, vice president of program strategy della W.K. Kellogg Foundation -. Cu Impact permetterà alle famiglie un migliore accesso a servizi finanziari sostenibili e contribuirà alla loro sicurezza finanziaria, che sappiamo essere la premessa necessaria per permettere ai bambini di ottenere successo nella scuola e nella vita“.

In uno scenario che vede le istituzioni finanziarie impegnate nell’innovare le modalità di erogazione del credito anche attraverso la ricerca di nuovi modelli di business, si rafforza dunque l’impegno di Dedagroup al fianco dei propri clienti in importanti progetti che vedono la collaborazione di diversi operatori del sistema.

Come in Messico, dove il gruppo ha sostenuto l’evoluzione dei modelli di business degli istituti finanziari locali con l’introduzione di sistemi avanzati di pagamento, tutelando gli interessi e la sicurezza dei consumatori grazie alla riduzione della circolazione di contanti e mitigando al contempo il rischio di riciclaggio.

Dedagrup, accordo con credit unions americane per favorire l’inclusione finanziaria ultima modifica: 2016-08-02T11:05:16+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: