Deutsche Bank, nel I trimestre utile netto in crescita del 143%

Deutsche BankDeutsche Bank ha registrato un utile netto del primo trimestre di 575 milioni di euro, in forte crescita rispetto ai 236 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente (+143%). Il risultato ante imposte è di 878 milioni di euro +52% mentre i ricavi si attestano in calo del 9% a 7,03 miliardi. Il coefficiente Cet1 risulta leggermente migliorato, all’11,9%.

“Sono lieto del modo in cui abbiamo iniziato il 2017. Il legame con i clienti e’ forte, i flussi di asset stanno tornando a scorrere in tutta la banca e l’attività e’ in ripresa. I nostri sforzi di contenimento dei costi iniziano ad essere ripagati, e allo stesso tempo abbiamo significativamente ridotto la complessità. Abbiamo gettato solide fondamenta su cui Deutsche Bank può ancora una volta realizzare buoni risultati”, ha dichiarato John Cryan, chief executive officer della banca.

Ecco i principali risultati di Deutsche Bank

Redditività
–       Profitto ante imposte pari a 878 milioni, in crescita del 52% anno su anno
–       Utile netto pari a € 575 milioni, in crescita del 143% anno su anno
Ricavi
–       € 7.3 miliardi, in riduzione del 9% anno su anno
–       La riduzione e’ stata causata principalmente da una oscillazione negativa pari a 0,7 miliardi anno su anno, causata sostanzialmente dalla crescita dei credit spreads di Deutsche Bank.
–       Rettificati da questo effetto, i ricavi sarebbero stati ampiamente in linea con lo scorso anno.
 
Riserve per perdite su crediti
–        € 133 milioni, in riduzione del 56% anno su anno, principalmente dovute al miglioramento della performance nei portafogli di minerali e metalli e petrolio e gas.
Costi
–       Costi operativi pari a € 6.3 miliardi, in riduzione del 12% anno su anno.
–       Costi rettificati pari a € 6.3 miliardi, in riduzione del 5% anno su anno, che riflettono i progressi nella ristrutturazione  e la chiusura della Non-Core Operations Unit (NCOU) alla fine del 2016
–       Organico ridotto di circa1,600 unità durante il trimestre, nonostante l’internalizzazione di circa 200 collaboratori esterni
–       Organico ridotto di circa 3.300 unità rispetto alla fine del primo trimestre 2016, nonostante l’internalizzazione di circa 1.900 collaboratori esterni nella funzione COO e circa 370 assunzioni nette nella funzione Compliance and Anti Financial Crime
–       Ottimizzazione delle filiali: ad oggi 130 delle 188 chiusure pianificate in Germania sono state completate. Tutti gli 8 Advisory Centres sono operativi.
Capitale
–       Fully loaded CRD 4 Common Equity Tier 1 (CET1) ratio pari all’11,9%, in leggera crescita rispetto al 31 Dicembre 2016
–       Impatto dell’aumento di capitale: pro-forma fully loaded CET1 ratio pari al 14.1% al 31 Marzo 2017
–       Risk Weighted Assets (RWA), fully loaded, pari a € 358 miliardi, stabili dalla fine dell’anno. CRD 4 leverage exposures pari a € 1,369 miliardi, in crescita del 2% rispetto al 31 Dicembre 2016, che riflette una ripresa dell’attività dei clienti
Flussi positivi netti nei business che fanno raccolta
–       Deutsche Asset Management: € 5 miliardi di nuovi flussi netti nelle principali regioni e prodotti
–       Private, Wealth & Commercial Clients: € 3 miliardi di nuovi flussi netti positivi sia nell’area Wealth Management sia in quella Private & Commercial Clients

Articoli che potrebbero interessarti:

Deutsche Bank, nel I trimestre utile netto in crescita del 143% ultima modifica: 2017-04-27T19:37:23+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA