Deutsche Bank, utile ante imposte in crescita del 15% nel III trimestre

Deutsche BankDeutsche Bank ha fatto registrare un utile netto attribuibile agli azionisti di 194 milioni di euro nel terzo trimestre del 2021, in aumento del 6,6% rispetto ai 182 milioni di un anno prima e superiore ai 135 milioni di euro stimati dagli analisti.

Secondo una nota i dati indicano il quinto trimestre consecutivo di guadagni, la più lunga serie in positivo dal 2012. Nello stesso periodo i ricavi sono stati pari a 6,04 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 5,94 miliardi di euro dello stesso periodo del 2020.

L’utile ante imposte è stato di 554 milioni di euro (+15% sul terzo trimestre 2020).

Nella trimestrale emerge il calo dei ricavi netti della divisione Investment Banking, pari a 2,2 miliardi di euro (-6% anno su anno), in un periodo in cui le grandi banche statunitensi hanno invece registrato grandi risultati.

Nei primi nove mesi dell’anno i ricavi dell’area sono comunque in aumento del 4% a 7,7 miliardi di euro. Balzo invece per i ricavi netti del Asset Management, che sono stati di 656 milioni di euro, in crescita del 17% anno su anno e ai massimi da sette trimestri, trainati principalmente da un aumento delle commissioni di gestione (al livello più alto da oltre sei anni).

“Nel terzo trimestre abbiamo nuovamente dimostrato la forza operativa della nostra attività: i nostri ricavi si sono dimostrati resilienti, abbiamo aumentato il nostro utile ante imposte nonostante ulteriori oneri di trasformazione e abbiamo già ha superato il nostro obiettivo di sostenibilità per l’intero anno 2021 – ha dichiarato il ceo Christian Sewing -. Siamo concentrati sulla promozione dell’efficienza mantenendo forti controlli e siamo fiduciosi di raggiungere gli obiettivi 2022 di Deutsche Bank”.