È morto Mario Fantini, ex presidente del Gruppo Delta

Mario Fantini, ex amministratore delegato di Carisp, il più importante istituto di credito di San Marino, è morto a 77 anni a Bologna, dove era ricoverato dai primi di marzo per un’ischemia alla gamba destra, ma dopo un importante intervento chirurgico, le sue condizioni si erano aggravate.

Nato a Rimini, Fantini entra nel mondo bancario a 24 anni, nel 1958 come impiegato del Credito Romagnolo, prima di diventarne direttore a Bologna. Successivamente, e per 32 anni, è il direttore generale del Rolo dove resta fino al 1990, quando assume la direzione della Cassa di Risparmio di San Marino. Uomo schivo e rigoroso, contribuisce più di tutti alla crescita di Carisp intuendo, tra i primi, le potenzialità del credito al consumo: da una sua idea nasce infatti il gruppo Finemiro, in seguito Neos. L’azienda nel 2002 viene ceduta al gruppo San Paolo e Fantini, insieme ai vertici di Cassa di Risparmio, persegue un nuovo progetto: la creazione del Gruppo Delta che avrà sede a Bologna e che in breve diventerà uno dei gruppi più significativi nel mondo del credito al consumo in Italia.

Intanto la partecipazione azionaria di Cassa di Risparmio cresce, ma le divergenze con uno dei soci, la Sopaf dei fratelli Magnoni, creano i primi screzi che si inaspriscono quando si tratta la cessione del pacchetto azionario: per Fantini e per i vertici di Carisp la richiesta è troppo esosa. Da qui tanti problemi e una serie di vicende ancora non chiarite, alcune delle quali contenute in un memoriale svelato dopo l’operazione Varano: l’inchiesta della Procura della Repubblica di Forlì che assieme a Fantini porta in carcere il presidente e il direttore della Cassa di Risparmio, il direttore di Carifin e il vice presidente del Gruppo Delta. L’ex amministratore delegato inizia così la sua battaglia giudiziaria, difendendo con forza le proprie scelte.

È morto Mario Fantini, ex presidente del Gruppo Delta ultima modifica: 2011-03-23T21:36:49+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: