Elezioni Enasarco: Luca Matrigiani, capolista di “Adesso Basta”, illustra nel dettaglio la procedura di voto

Matrigiani, SimediaMancano ormai poche settimane alle elezioni per il rinnovo del consiglio di amministrazione dell’Enasarco. In questi giorni la fondazione ha iniziato a inviare agli iscritti tramite Pec una stringa alfanumerica di 150 caratteri necessaria per entrare nella cabina elettorale virtuale dove si potrà esprimere la propria preferenza. Luca Matrigiani, segretario generale del Simedia e capolista della lista “Adesso basta” illustra nel dettaglio come si svolgerà la procedura di voto.

Le votazioni si apriranno il primo aprile e si chiuderanno il 14. Saranno gestite per via telematica. Come si accede alla cabina virtuale?
Ad ogni iscritto all’Enasarco arriverà tramite Pec, la posta elettronica certificata, una stringa di 150 caratteri alfanumerici. Cliccando sulla stessa si aprirà una finestra in cui sarà necessario inserire il proprio numero di cellulare. Fatto questo si riceverà sul telefono un codice Pin di 6 caratteri, che dovrà essere utilizzato insieme alla propria matricola Enasarco per accedere appunto all’urna virtuale. A questo proposito ricordiamo a chi non lo avesse già fatto che è necessario comunicare il proprio indirizzo Pec alla Fondazione Enasarco attraverso una delle seguenti modalità: tramite l’area riservata https://in.enasarco.it l’iscritto può inserire o aggiornare l’indirizzo Pec nella scheda anagrafica del proprio profilo; con un messaggio dalla propria casella di posta elettronica semplice agli indirizzi riservati ad agenti ([email protected]) e imprese preponenti ([email protected]). Al messaggio bisognerà allegare una copia leggibile del documento di identità e il modulo di variazione anagrafica (500A per gli agenti e 500D per le ditte preponenti).

Chi non ha una Pec potrà votare lo stesso?
In vista delle elezioni la fondazione ha inviato a tutti gli iscritti una richiesta di apertura di una casella di posta elettronica. Nel caso in cui la Pec non venisse comunque attivata si riceverà una raccomandata tradizionale con la stringa dei 150 caratteri di cui ho parlato prima e un QR Code che farà comparire il link cui ho accennato sopra. A quel punto la procedura da seguire è la stessa.

Cosa troveranno gli elettori nella cabina virtuale?
I nomi e i simboli della quattro liste partecipanti: Insieme per Enasarco, sostenuta da Fnaarc, Usarci, Fiarc, Fisascat-Cisl e Anasf; Enasarco per il tuo welfare, sostenuta da Uiltucs e una parte dell’ex Usarci; la lista Filcams-Cgil e Adesso Basta.

Quante preferenze si possono esprimere?
Una sola. Si vota dunque per una lista. Ogni lista, proporzionalmente alle preferenze ricevute, esprimerà un certo numero di delegati, che andranno a comporre un’assemblea formata da 40 rappresentanti per gli agenti e 20 per le mandanti. Una volta nominati, i delegati designeranno a loro volta i membri del cda, in ragione, rispettivamente di 10 e 5. L’elezione del presidente avverrà collegialmente in seno al consiglio.

In quali orari sarà possibile accedere alla cabina virtuale?
I seggi elettronici apriranno la mattina alle 9:00 e chiuderanno la sera alle 18:00. Fanno eccezione i sabati e le domeniche quando i seggi saranno aperti fino alle 20:00.

Per votare è necessario essere in regola con i versamenti contributivi?
È necessario avere effettuato almeno un versamento negli ultimi tre anni. In ogni caso è bene tenere presente che per votare il proprio nominativo deve risultare all’interno della lista elettorale compilata dall’Enasarco. Chi non risulta iscritto, anche quando fosse in regola con i contributi e possedesse i requisiti per farlo a livello teorico, non potrà votare.

Un ultimo appello agli elettori prima del voto?
Semplice e diretto: votateci, perché l’Enasarco deve cambiare e ognuno degli iscritti deve impegnarsi perché questo cambiamento inizi sin da ora. Il nostro programma si articola in sei punti, che sono stati pensati per tutelare tutti gli esponenti della categoria e per assicurare un futuro al nostro ente previdenziale: portabilità dei contributi Enasarco; sussidio di disoccupazione per gli agenti; un presidente scelto tra gli agenti stessi, in attività o in pensione; diminuzione dei compensi del cda; agevolazioni per giovani, neolaureati e persone in mobilità. Come ho ripetuto più volte in queste settimane, la nostra lista è composta da agenti e rappresentanti di commercio, agenti in attività finanziaria, promotori finanziari, esperti in diritto di agenzia, esperti in materia previdenziale e fiscalisti che insieme vogliono impegnarsi per una gestione sana, consapevole e trasparente dell’Enasarco, rispettosa dei circa 230.000 lavoratori che versano contributi e dei circa 120.000 pensionati che li hanno versati.

Elezioni Enasarco: Luca Matrigiani, capolista di “Adesso Basta”, illustra nel dettaglio la procedura di voto ultima modifica: 2016-03-12T12:12:25+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: