Emergenza Covid-19, Experian: il settore assicurativo ne uscirà puntando sui dati

Experain LogoLa crisi causata dal Covid-19 ha colpito duramente il settore assicurativo, come e più di altri mercati. Non solo i sinistri sono aumentati in modo significativo, ma i rendimenti sono calati, lasciando molte attività con deficit importanti. Oggi più che mai, gli assicuratori devono fare ricorso a tutti gli strumenti a loro disposizione per proteggersi e per pianificare al meglio il futuro. Secondo Experian il modo più efficace per farlo passa attraverso un utilizzo strategico dei dati.

Nei periodi di crisi, la probabilità che si verifichino operazioni fraudolente dettate dalla disperazione è più elevata. Una richiesta di risarcimento fasulla è spesso considerata con indulgenza, quasi fosse un crimine senza vittime, ma in realtà non è così, perché ne pagano le conseguenze sia gli assicuratori che i consumatori: i primi con una riduzione degli incassi, i secondi perché si trovano successivamente a pagare premi più elevati.

“Con migliori strategie di identificazione e gestione delle frodi, integrate da analisi in grado di individuare rapidamente eventuali anomalie, è possibile adottare contromisure per proteggersi dall’esposizione e mitigare i rischi collegati – ha sottolineato Cristina Iacob, commercial strategy director di Experian -. Già ora, gli assicuratori si affidano ai dati per definire la loro esposizione al rischio: che si tratti di valutare potenziali danni a edifici e veicoli o anche la possibile perdita di vite, gli insight generati dai team che si occupano di analytics consentono di prendere decisioni valide e informate”.

La “nuova normalità” potrebbe avere un effetto negativo anche su questi modelli.

“I team dedicati dovranno infatti accedere a risorse più qualificate per generare insight realistici che permetteranno di giudicare con precisione il livello di rischio rispetto ai requisiti di premio e sarà necessario sfruttare anche l’integrazione di dati di terze parti – ha aggiunto Iacob -. Il lockdown ha reso il canale online l’unico modo per le compagnie di assicurazione di raggiungerle i propri clienti, ma anche oggi che le attività tradizionali sono formalmente ripartite, un utilizzo oculato del web può aprire nuove prospettive rispetto all’ingaggio verso i clienti. Un’analisi strutturata dei dati disponibili permette di comprendere meglio il comportamento dei clienti, e di conseguenza le loro necessità. Di conseguenza, la compagnia ha la possibilità di personalizzare la sua offerta in modo da rispondere in modo più preciso e puntuale a questi insight. Se la possibilità di offrire uno sconto può non essere sempre praticabile, ci sono altri modi per proteggere la propria base clienti. Ad esempio, offrire funzionalità self-service h24 può semplificare l’interazione col cliente rendendola più semplice e gratificante”.

Gli strumenti di analisi svolgeranno un ruolo importante in questa ripresa, fornendo agli assicuratori tutte le informazioni di cui hanno bisogno per limitare la loro esposizione, promuovere nuove offerte e arricchire i loro servizi.