Enasarco, novità su contributi, pensioni e previdenza

A partire dal primo gennaio, in conformità al nuovo regolamento delle attività istituzionali della Fondazione Enasarco, sono entrati in vigore i nuovi parametri di calcolo dei contributi.

L’aliquota contributiva da applicare sulle provvigioni passerà al 15,55%, di cui 7,775% a carico dell’agente e 7,775% a carico della mandante.

I versamenti previdenziali prevedono un massimale provvigionale annuo: per i plurimandatari di €.25.000 mentre di €.37.500 per i monomandatari, una volta raggiunto non è più possibile fare versamenti  previdenziali.

Nell’applicazione dell’aliquota  Enasarco vige il criterio  della competenza, quindi nel fatturare  le provvigioni  di competenza dell’anno  2016 dovrà essere applicata dall’agente  l’aliquota  del 7,55%, anche se la fattura viene emessa nel 2017.

Mentre  per  le  agenzie in  società  di  capitali  s.r.l. e s.p.a. l’aliquota contributiva rimane al 4%, ovvero dell’1% a carico dell’agenziae del 3% a carico della ditta mandante.

Pensione

Per quanto riguarda i requisiti pensionistici 2017, gli uominidevono avere  maturato i seguenti requisiti minimi: 66 anni d’età, 20 anni di anzianità contributiva e quota 91 (data dalla somma tra età anagrafica e anzianità contributiva).

Mentre  le donne devono avere maturato i seguenti requisiti minimi: 63 anni d’età, 20 anni di anzianità contributiva  e quota 87 (data dalla somma tra età anagrafica e anzianità contributiva).

Inoltre dal 10 gennaio 2017, gli agenti che hanno i requisiti previsti dal Regolamento Enasarco potranno chiedere l’anticipazione  della pensione di vecchiaia di uno o due anni, con la riduzione della pensione del 5% per ogni anno di anticipazione rispetto all’età anagrafica.

Contributo straordinario over 75

La fondazione Enasarco, per ampliare  la tutela  dei propri  iscritti  in attività  con più di 75 anni, che per ragioni  di  età,  non  sono  coperti  dalla  polizza Rbm, Assicurazione Salute  ha stanziato  un  contributo straordinario per infortuni, ricoveri o spese mediche,  per un importo complessivo di 500 mila euro, a condizione che l’evento per il quale l’iscritto  presenti l’istanza di rimborso non sia già coperto dalla polizza assicurativa sottoscritta a favore degli agenti.

Articoli che potrebbero interessarti:

Enasarco, novità su contributi, pensioni e previdenza ultima modifica: 2017-01-09T11:21:00+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA