Etica “Risk-Based” – Il Compliance Intelligence System di Nexus

Come afferma il prof. ing. Davide Ferrara, project manager del modello organizzativo Nexus: La soglia di tolleranza della società nei confronti dell’incapacità delle organizzazioni di gestire i rischi si è abbassata. Il mondo della Mediazione Creditizia vive un salutare passaggio dalla deregulation a logiche basate sulla valutazione e mitigazione dei rischi caratteristici e sui corrispondenti presidi organizzativi che vanno costantemente allineati a una evoluzione normativa che ha oramai definito lo scenario entro cui gli attori del settore dovranno operare. Il Compliance Intelligence System di Nexus è la sintesi del percorso di project management intrapreso attraverso l’adozione di modelli organizzativi focalizzati su una visione sistemica che collega il compliance program avviato in applicazione del D.Lgs. 231/07 e del D.Lgs.141/10, ai processi “core” aziendali. Elemento d’innovazione reale e sostenibile è rappresentato da una costante attenzione e coinvolgimento (engagement) rivolti alle categorie di stakeholders (partners bancari, rete distributiva, clienti) cui la società orienta il suo business attraverso la creazione di cruscotti direzionali e di un sistema di audit per il monitoraggio delle “milestones” (obiettivi intermedi in revisione dinamica). Esempio di questo percorso è l’adozione in progress di un sistema di gestione integrato e certificato, coerente con il modello organizzativo per la mitigazione del rischio già operativo. Un Progetto di questa portata è per sua natura uno sforzo complesso, innovativo, interdisciplinare, unico, e per questi motivi, esso è esposto a rischi. Riteniamo però che questa sia la più concreta risposta “operativa & etica” all’incapacità delle organizzazioni tradizionali di gestire i rischi determinati dai nuovi scenari e alle aspettative di “qualità & qffidabilità” che provengono dalla società civile”.

 

Austerità, difficoltà di approvvigionamento, stretta legislativa, contrazione del mercato immobiliare, rendono la gestione della mediazione creditizia un esercizio estremamente complesso, da sviluppare peraltro in un “mercato maturo” che si confronta con un recente passato di forte espansione.

 

Evidentemente non ci sarà più spazio per l’improvvisazione creativa degli anni passati. È necessario strutturare la società di mediazione creditizia con un rigoroso controllo dei costi e con un attenta gestione dei rischi. Proprio la percezione dei rischi rappresenta una frontiera ancora da esplorare nel nostro settore. Come dicevamo, la soglia di tolleranza si è fatalmente abbassata, sia dal punto di vista degli organismi di controllo e sia (di conseguenza) dal punto di vista degli operatori di settore.

Non è difficile comprendere come la competizione degli anni futuri poggerà sulla capacità d’intercettare clientela di qualità e soprattutto sulla capacità di essere appeal per le banche. Del resto, non si può essere appeal se non curando in maniera puntuale e maniacale la mitigazione dei rischi e quindi sviluppando, un modello opponibile alla complessità dell’offerta.

Nexus ha voluto costantemente proporre al partner bancario una clientela di qualità, altresì nel corso del 2012 ha deciso di investire fortemente sul Compliance Intelligence System, ovvero l’ideazione di un percorso di project management che ha portato all’adozione di un modello organizzativo focalizzato su una visione sistemica che collega il Compliance Program al D.Legs 231/07 e al D.Legs 141/10.

Il management di Nexus è convinto che l’adozione di tale modello di gestione integrato, abbia non solo una forte valenza di compliance, ma soprattutto sia fortemente propedeutico alla performance commerciale: in primo luogo rassicura gli stakeholders (partner bancari, rete distributiva e clienti) e in secondo luogo proprio perché rassicurati, gli attori di riferimento del mercato, saranno inclini – come la nostra realtà attuale conferma – a intraprendere con Nexus un percorso solido e duraturo.

In virtù di tutto questo, Nexus si propone come un partner affidabile, solido e con lo sguardo proiettato verso la “Mediazione Sostenibile”, cosciente di essere un approdo sicuro per tutti quegli operatori del settore che sono alla ricerca di una realtà che conosce le dinamiche di un mercato maturo, ma che è altrettanto cosciente che le sfide future richiedono, abnegazione, giusti comportamenti e formazione costante.

 

Non perdere il Company Event Nexus “La Mediazione Sostenibile”:

“Leadership Forum” 10 dicembre, ore 11,30 presso l’Hotel Principe di Savoia.

Etica “Risk-Based” – Il Compliance Intelligence System di Nexus ultima modifica: 2012-12-02T21:57:39+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: