Eurofidi, il 2 maggio Filcams, Fisascat e Uiltucs in piazza per rivendicare i diritti dei lavoratori

Eurofidi LogoAllo scopo di richiamare l’attenzione della Regione e delle banche sul destino degli ex lavoratori di Eurofidi dopo la liquidazione della società i sindacati Filcams, Filascat e Uiltucs hanno indetto uno sciopero per martedì 2 maggio a Torino.

La mobilitazione, a partire dalle 10, toccherà Piazza Castello, nell’area sottostante il Palazzo della Giunta Regionale, e piazza San Carlo, presso la sede di Intesa San Paolo.

“Ci teniamo a precisare che i lavoratori stanno subendo in tutto e per tutto la malagestione della società negli ultimi anni, senza che abbiano alcuna colpa – ha sottolineato Cosimo Lavolta, segretario organizzativo di Uiutucs -. Individuare un soggetto che rilevasse Eurofidi era impossibile. Per questo come sindacato abbiamo accettato di percorrere la strada dello ‘spezzatino’ attraverso trattative con confidi locali. Come sindacati abbiamo fatto di tutto per i lavoratori. Prima con la cassa integrazione, poi con il contratto di solidarietà, e ancora con la mobilità nel 2015. Ciononostante, la Regione Piemonte, che detiene quasi il 20% di Eurofidi, non si sta preoccupando a dovere delle ricadute della liquidazione sugli occupati. Quello che chiediamo alla Regione e alle banche è di cominciare a proporsi per dare un impiego a persone che, al di là della disoccupazione, si ritroverebbero senza altri ammortizzatori sociali. Noi, come sindacati, abbiamo bisogno di un segnale di apertura”.

Eurofidi, il 2 maggio Filcams, Fisascat e Uiltucs in piazza per rivendicare i diritti dei lavoratori ultima modifica: 2017-04-28T20:21:39+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: