Fed ancora divisa sull’aumento dei tassi

Fed

La sede della Fed a Washington

La conclusione del programma di acquisto di bond e titoli di Stato da parte della Fed a sostegno dell’economia Usa spinge esperti e addetti ai lavori a interrogarsi sulla possibilità che la banca centrale americana decida di alzare i tassi senza tardare troppo sui tempi.

Al momento l’attenzione degli investitori è concentrata sulla riunione di politica monetaria della Fed in programma per il 16 e 17 dicembre.

Una parte degli analisti ritiene che la strategia seguita dall’istituto potrebbe essere quella di eliminare l’indicazione “per un periodo considerevole” usata più volte per indicare il lasso di tempo durante il quale i tassi sarebbero rimasti ai minimi storici. In questo modo la Fed getterebbe le basi per un prossimo aumento del costo del denaro.

Nei giorni scorsi Stanley Fischer, vicepresidente della banca, ha lasciato intuire che la posizione dei membri del board sta cambiando rispetto a qualche mese fa. E il numero uno della Fed di New York,William Dudley ha evitato, negli ultimi interventi pubblici di parlare di “periodo considerevole”, sottolineando piuttosto che l’istituto “sarà paziente” prima di procedere a un rialzo dei tassi. Dennis Lockhart, governatore della Fed di Atlanta ha invece dichiarato che “Non c’è alcuna fretta di abbandonar la frase ‘periodo considerevole'”.

La prossima riunione del Federal open market committee (Fomc) sarà probabilmente l’occasione per un acceso dibattito sulla questione, visto che tra i membri non c’è unanimità sull’argomento.

Fed ancora divisa sull’aumento dei tassi ultima modifica: 2014-12-11T13:23:05+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: