Fed, George: “Sembra appropriato un rialzo graduale dei tassi”

Federal Reserve Fed

La sede della Fed a Washington

È giusto che la banca centrale americana alzi gradualmente i tassi di interesse in accordo con una crescita dell’economia leggermente superiore al tasso tendenziale. Lo ha dichiarato Esther George, presidente della Fed di Kansas City.

Nonostante la frenata dei primi tre mesi dell’anno evidenziata da alcuni dati macroeconomici recentemente pubblicati, secondo George non c’è alcuna ragione che possa impedire il processo di normalizzazione della politica monetaria.

La Fed ha aumentato i tassi di un quarto di punto a marzo, portando il suo benchmark tra lo 0,75 e l’1%. Lo ha fatto perché si era convinta che la ripresa ormai avesse acquistato forza, mentre l’occupazione, l’inflazione e la fiducia dei consumatori erano tutte positive. Il presidente Trump inoltre prometteva di tagliare le tasse, ridurre le regole e investire nelle infrastrutture, delineando quindi una serie di stimoli che avrebbero accelerato ancora di più la corsa del prodotto interno lordo. Per evitare un surriscaldamento, quindi, la banca centrale aveva deciso di intervenire.

A breve è però arrivata una doccia fredda. La crescita nel primo trimestre del 2017, cioè durante la fase finale dell’amministrazione Obama e quella iniziale di Trump, ha frenato allo 0,7%. Un calo che ha rimesso in discussione tutte le analisi condotte fino a quel momento, facendo dubitare la solidità della ripresa su cui la Fed aveva basato il suo piano per tornare ad alzare il costo del denaro per la prima volta dopo la crisi del 2008.

 

Fed, George: “Sembra appropriato un rialzo graduale dei tassi” ultima modifica: 2017-05-11T18:18:37+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: