Fed, pareri discordanti sul rialzo dei tassi

Federal Reserve Fed

La sede della Fed a Washington

È ancora prematuro parlare di cambio di passo dell’economia statunitense. Per tale ragione con grande probabilità i tassi saranno destinati a rimanere su livelli contenuti anche nel corso del 2017. A sostenerlo è stato James Bullard, presidente della Federal reserve di Saint Louis, secondo il quale sarebbe da escludere che gli eventuali effetti positivi derivanti dall’elezione di Trump a presidente si possano vedere già nel corso di quest’anno,.

In particolare per quanto riguarda l’ inflazione, che insieme al mercato del lavoro rappresenta uno dei comparti chiave dell’economia Usa, Bullard prevede che, almeno nel breve periodo, non ci siano le condizioni perché questa possa salire.

Molto diversa è invece l’opinione espressa da Patrick Harker, presidente della Fed di Philadelphia, a parere del quale “l’economia Usa sta mostrando una forza considerevole”, tale da giustificare tre rialzi dei tassi nel corso del 2017. Secondo le previsioni di Harker le tre manovre restrittive saranno comunque di modesta entità.

Da ultimo il numero uno della Federal reserve di Chicago, Charles Evans, ha affermato che l’adozione eventuale di politiche fiscali espansive sotto l’egida della presidenza di Donald Trump potrebbe anche portare l’economia a crescere al ritmo del 4%. Tuttavia, ha aggiunto Evans, la crescita non sarebbe sostenuta in assenza di profondi cambiamenti.

Fed, pareri discordanti sul rialzo dei tassi ultima modifica: 2017-01-13T15:01:36+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: