Fed, tassi su di un quarto di punto

Federal Reserve Fed

La sede della Fed a Washington

La Fed ha deciso di alzare di un quarto di punto i tassi di riferimento, portandoli tra l’1 e l’1,25%. La decisione è stata adottata all’unanimità dal Fomc (Federal open market commettee), braccio di politica monetaria dell’istituto, con la sola eccezione di Neel Kashkari, presidente della Fed di Minneapolis, che si è opposto all’aumento perché ritiene che l’economia non sia ancora abbastanza forte.

Per la banca centrale statunitense, però, anche se l’inflazione è ferma intorno all’1,6% l’economia sta continuando a crescere, seppure in maniera moderata, e l’occupazione è solida. Il rallentamento registrato all’inizio dell’anno è stato valutato dagli esperti dell’istituto come un fatto occasionale.

“Il mercato del lavoro ha continuato a rafforzarsi e l’attività economica è cresciuta moderatamente finora. Le spese delle famiglie sono accelerate negli ultimi mesi, e gli investimenti delle aziende sono aumentati”, ha sottolineato la Fed in una nota. “Continuiamo a ritenere che con graduali aggiustamenti della politica monetaria, l’attività economica crescerà a ritmo moderato e le condizioni del mercato del lavoro miglioreranno. I rischi di breve termine all’outlook economico sono bilanciati, ma continuiamo a monitorare da vicino gli sviluppi dell’inflazione”.

Il Fomc prevede di aumentare il costo del denaro ancora una volta durante l’anno in corso, e altre tre volte in quello successivo, in modo da portarlo al 3% entro il 2019.

In ogni caso la presidente Janet Yellen ha assicurato per l’ennesima volta che la politica monetaria “non viaggia su un binario predeterminato”. La numero uno della banca centrale ha inoltre confermato l’intenzione di “servire fino alla fine del mio mandato, nel febbraio del prossimo anno” e annunciato un alleggerimento portafoglio dell’istituto, gonfiato dagli stimoli fatti dopo la recessione del 2008, di oltre 4 trilioni di dollari.

Fed, tassi su di un quarto di punto ultima modifica: 2017-06-15T12:26:49+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: