Fiaip, Baccarini: “Catasto, votazione in commissione Finanze non garantisce invarianza di gettito”

Fiaip LogoSiamo fortemente preoccupati per il testo di riforma degli estimi catastali approvato in Commissione Finanze alla Camera che, così come formulato, ovvero con la previsione di un meccanismo di aggiornamento periodico delle rendite catastali anche su base patrimoniale, non solo non garantirà una reale equità dei valori ma determinerà un sicuro aumento della tassazione immobiliare, già a livelli insopportabili (oltre 50 miliardi annui), ed effetti preoccupanti sulla determinazione dell’Isee, con un’inevitabile gravoso, quanto mai inopportuno, aumento del costo di accesso ai servizi sociali a danno della collettività”. Così Gian Battista Baccarini, presidente nazionale Fiaip, ha commentato l’approvazione dell’articolo 6 del Ddl Delega fiscale lo scorso 3 marzo in Commissione Finanze alla Camera, “per un solo voto di scarto, dopo l’acceso scontro consumato tra le forze politiche e l’ultimatum dell’esecutivo, nella persona del Sottosegretario del Mef Maria Cecilia Guerra, che aveva minacciato la caduta del Governo se non fosse stata votata la riforma del catasto”.

Dopo le gravi conseguenze economiche dettate dagli effetti della pandemia, dall’impennata dell’inflazione, e dall’aumento dei costi energetici e del gas destinato ad aggravarsi con il conflitto militare in Ucraina ancora in corso – conclude Baccarini -, il nostro Paese non ha certo bisogno di una riforma catastale che, così come impostata, alimenta fondati timori e reali incertezze che minano la fiducia nel mercato da sempre elemento fondamentale per la vitalità di un settore, quello immobiliare che, anche nel 2021, si è confermato essere il vero motore dell’economia Nazionale”.