Fiaip e Confindustria rafforzano la cooperazione: accordo per lo sviluppo sinergie comuni

“Abbiamo siglato un’intesa con Confindustria e il vicepresidente di Confindustria Edoardo Garroneha detto il presidente di Fiaip Paolo Righi – per stringere alleanze su tutto il territorio nazionale e per calare sul territorio le attività comuni di Fiaip e Confindustria, assicurare la massima rappresentatività di Fiaip nelle Camere di Commercio e sviluppare sinergie comuni a favore del settore immobiliare. In questo momento di crisi le associazioni devono fare sistema e l’accordo è un primo passo del mondo dell’associazionismo, che si muove per trovare nuove modalità e favorire i consumatori”.

È stato inoltre presentato Regole e Mobilità, uno studio sul settore immobiliare nell’Unione Europea, dal cui emerge come sussistano ancora oggi grandi difficoltà per le imprese nell’ottenere permessi per costruire, e come pesi il costo della burocrazia, l’accesso al credito, il sistema fiscale. L’Italia continua ad arrancare e perde posizioni. Nel ranking 2011 occupa l’80esimo posto nella classifica, mentre nel 2010 compariva alla 76esima posizione. I fattori più critici del nostro sistema paese, secondo quanto emerge dallo studio, sono le difficoltà nel pagamento delle imposte, la rigidità del mercato del lavoro, l’inefficacia del sistema giudiziario civile, l’accesso al credito. Secondo la ricerca, le difficoltà burocratiche e i costi esagerati e la sfiducia sono il panorama che si trova davanti chi vuole avviare una nuova impresa immobiliare in Italia.

“In questo momento vediamo che l’area euro è la più depressa mentre cresce l’economia di Cina, India e Brasile – ha concluso Righi –. Crediamo che il Governo italiano debba fare investimenti per il mercato immobiliare, che storicamente ha sempre portato il nostro Paese fuori dai momenti di crisi. Investimenti che favorirebbero anche la creazione di infrastrutture”.

 

 

Fiaip e Confindustria rafforzano la cooperazione: accordo per lo sviluppo sinergie comuni ultima modifica: 2011-06-24T13:56:58+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: