Fiaip, la cedolare secca rimanga al 20%

A fronte della precisazione odierna del ministro dell’Economia Tremonti, che parla di “ipotesi per la cedolare al 23% alla quale il Governo sta lavorando”, Fiaip conferma come è bene che vi sia una sola imposta forfettaria, con un’aliquota fissa del 20 per cento per il reddito derivante dalla locazione immobiliare, in sostituzione dell’Irpef.

Il mercato immobiliare è in crisi e gli agenti immobiliari Fiaip chiedono quindi che la tassazione sui redditi da locazione possa essere introdotta a prescindere dalle misure in discussione in questi giorni sul federalismo municipale al Senato, per consentire il rilancio del mercato immobiliare, e per combattere contestualmente gli “affitti in nero”.

Qualora la cedolare secca al 20% dovesse incontrare delle difficoltà sulla strada dell’approvazione del federalismo Fiaip – conclude Righi– ne chiederà lo stralcio dal provvedimento sul federalismo fiscale”.

Fiaip, la cedolare secca rimanga al 20% ultima modifica: 2011-01-20T18:07:49+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: