Fiaip, l’aumento dei tassi all’1,25% può vanificare gli sforzi della ripresa

È la prima stretta monetaria  varata dal Consiglio direttivo della Banca centrale europea da metà del 2008 – sottolinea Samuele Lupidii, vicepresidente nazionale Fiaip con delega alla mediazione creditizia – ampiamente prevista dal mercato, tanto che le avvisaglie di questi rialzi avevano già investito il tasso Euribor”.

Fiaip ricorda che è  la prima variazione dal 7 maggio 2009, quando cioè la BCE portò il livello dei tassi al minimo storico, all’1%.

Il vero nodo da sciogliere  è perché la BCE abbia deciso, solo ora, un rialzo dei tassi. Notoriamente al Board di Eurotower sta a cuore il controllo delle spinte inflazionistiche ma, secondo il parere di Fiaip, andava fatta una lettura più attenta dei dati macro e micro economici.

Un aumento dei tassi – dichiara Samuele Lupidii – in questo momento rischia di vanificare gli sforzi di ripresa che sono in atto. Le spinte inflazionistiche derivano in gran parte dagli aumenti dovuti al rincaro per l’energia, non certo per la ripresa sfrenata dei consumi “sani”. Un  Pil al + 1,1% nel primo trimestre non può essere mortificato da un aumento dei tassi d’interesse”.

Fiaip ritiene che una maggior ponderazione da parte della BCE nell’uso della leva dei tassi di interesse sarebbe stata più opportuna in quanto l’Euro-zone è un “mondo” non omogeneo, fatto di tante realtà diverse.

Fiaip, l’aumento dei tassi all’1,25% può vanificare gli sforzi della ripresa ultima modifica: 2011-04-08T16:41:52+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: