Fiaip, Righi: “Nuovi standard minimi, formazione continua e lotta all’abusivismo”

La Fiaip scommette sulla trasparenza per salvaguardare i valori statutari e tracciare una politica sindacale innovativa che definirà nei prossimi mesi la disciplina della professione dell’agente immobiliare.

Il Consiglio Nazionale della Fiaip, presieduto da Gianni Bacco, nel corso di una riunione estremamente affollata svoltasi il 27 e 28 Ottobre a Roma presso l’NH Leonardo da Vinci, ha analizzato il primo articolato della riforma sulla disciplina della professione dell’agente immobiliare, e ha confermato le linee politiche sindacali già tracciate nell’ultima riunione.

La proposta, dibattuta in Consiglio per la prima volta, è stata illustrata nei minimi dettagli dal presidente Nazionale Paolo Righi, che ha sottolineato come “l’articolato Fiaip sarà discusso nei prossimi mesi in tutti gli organismi dirigenti locali e nazionali e sarà un testo migliorativo delle attuali normative che riguardano l’agente immobiliare, adeguato alle nuove esigenze legislative, senza cancellare le disposizioni previste della legge 39/89”. Una platea attenta ha seguito e l’intervento del presidente Nazionale Fiaip che di fronte a circa 200 consiglieri nazionali ha illustrato come la Federazione si posiziona per far fronte alle recenti normative e ai cambiamenti che riguardano le categorie professionali da essa rappresentate.
Per la prima volta – ha dichiarato Righi – possiamo dibattere e lavorare serenamente su una nostra proposta di riforma per la professione”. Righi ha rilanciato con forza le linee politiche programmatiche, già poposte all’attenzione degli organismi statutari Fiaip.

Nella proposta di riforma Fiaip si parla di standard minimi dei servizi, della rimozione di alcune incompatibilità e sono prese in considerazione nuove proposte sul percorso formativo per i nuovi agenti immobiliari che in futuro per operare dovranno avere un diploma di laurea. Oltre ai criteri di accesso professionale la Federazione rilancia il tema della lotta all’abusivismo. In questo caso Fiaip propone di istituire presso il Ministero dello Sviluppo economico un Osservatorio per la lotta all’abusivismo che possa monitorare e contrastare il fenomeno nell’ambito dell’attività di mediazione immobiliare.

Nel corso dei lavori, oltre agli interventi dei vice presidenti Nazionali di settore, che hanno illustrato il lavoro svolto nel primo anno di mandato, molti consiglieri nazionali hanno sottolineato l’importanza di consentire all’agente immobiliare l’utilizzo di nuovi strumenti operativi e di come vi sia l’esigenza conclamata di una riforma della professione per accrescere la figura dell’agente immobiliare. Al centro del dibattito anche un’accesa discussione sulla figura del valutatore esperto e sui nuovi standard per la valutazione immobiliare.

Nel corso del Consiglio si è relazionato anche in merito alle recenti azioni svolte dalla Federazione per evitare potenziali rischi a seguito della soppressione del Ruolo, e per ripristinare le funzioni esercitate un tempo dalle Commisioni camerali di controllo, ancora vigenti nell’attuale quadro normativo, e sono state portate all’attenzione del Consiglio le recenti tematiche di interesse per le agenzie immobiliari a seguito dell’ approvazione del decreto legislativo per la semplificazione e il riassetto in tema di ordinamento e mercato del turismo.

E’ stato infine proposto e discusso un documento in merito al regolamento di attuazione della Direttiva Bolkestein e degli effetti dell’introduzione della Scia, che Fiaip sta condividendo con Fimaa, e che sarà illustrata nei prossimi giorni alle istituzioni competenti. Infine, sono state analizzate le linee della riforma della professione mediatore creditizio e le azioni svolte dalla Federazione in riferimento al recente Decreto 141/2010.

Il presidente nazionale ha inoltre relazionato sull’attività della nuova struttura societaria per l’intermediazione creditizia Auxilia Finance che avrà lo scopo di sostenere l’attività di tutti gli agenti immobiliari e i mediatori creditizi che dal prossimo anno non potranno più esercitare la professione in forma individuale. Auxilia Finance inizierà la propria attività entro la fine dell’anno e consentirà agli agenti immobiliari di continuare la segnalazione di mutui immobiliari alla propria clientela.

Fiaip, Righi: “Nuovi standard minimi, formazione continua e lotta all’abusivismo” ultima modifica: 2010-10-28T22:00:00+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: