FIMAA chiude la polemica e apre un confronto con Altroconsumo

“Ogni esperto di ricerche sociologiche o di mercato – ha dichiarato Angeletti – sa quanto interviste e questionari possano essere influenzati, anche inconsciamente, dai fini e dagli scopi che s’intendono raggiungere”.

Angeletti continua ricordando che un agente immobiliare deve mostrare di possedere “maggiore qualità” rispetto ai colleghi in Europa, oltre alle maggiori responsabilità nei confronti del consumatore verso cui il livello di tutela, in Italia, non ha eguali.

“Sarebbe molto facile ricordare come FIMAA – sottolinea Angeletti – alcuni anni fa, sia stata condannata dal Garante per la concorrenza (Antitrust) perché consigliava, e non obbligava, ad applicare delle commissioni che non superassero un livello massimo che per altri soggetti era ritenuto il livello minimo”.

Le agenzie immobiliari operano in un contesto molto variegato; un contesto dove non tutti i protagonisti del mercato operano in maniera corretta o rispettando le norme nella loro totalità, “ma per questi c’è un organo di vigilanza all’interno delle Camere di Commercio e delle leggi che possono colpire gli abusi” è il commento di Angeletti che infine conclude: “Evitiamo di colpevolizzare una categoria d’imprese caratterizzate da elevati contenuti professionali che svolge un’attività particolarmente delicata e con risvolti sociali”.

FIMAA chiude la polemica e apre un confronto con Altroconsumo ultima modifica: 2011-07-19T13:53:10+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: