Finestra sull’OAM, la Guida agli Elenchi

Sezioni principali della Guida

  1. Premessa
  2. Cosa sono gli Elenchi e a cosa servono
  3. Come sono strutturati gli Elenchi e quali dati contengono
  4. Nuova Guida alla consultazione degli Elenchi
  5. Iscrizione agli Elenchi, requisiti e procedura
  6. Requisiti per il mantenimento dell’iscrizione
  7. Passaggio da un Elenco ad un altro

1 Premessa

La tenuta degli Elenchi dei Mediatori creditizi, degli Agenti in attività finanziaria e degli Agenti che operano per conto di Istituti di pagamento e di Moneta elettronica italiani è una delle principali funzioni svolte dall’Oam. In base a quanto previsto dal decreto legislativo n. 141/2010 e successive modifiche, a partire dal 30 giugno del 2012 l’Elenco degli Agenti in attività finanziaria e l’Albo dei Mediatori creditizi tenuti dalla Banca d’Italia sono stati sostituiti con nuovi Elenchi gestiti, appunto, dall’Organismo. Da quel momento gli Elenchi sono stati sottoposti a un aggiornamento costante, non solo per quanto riguarda ovviamente i soggetti iscritti ma anche dal punto di vista delle informazioni contenute e delle funzionalità accessibili agli utenti, che sono state progressivamente incrementate.

“Gli Elenchi consultabili sul nostro sito non sono semplici liste di nomi, cognomi e società. Il modo in cui sono stati strutturati e le possibilità che sono state messe a disposizione dei soggetti interessati a consultarli li rendono uno strumento prezioso sia per i consumatori finali, interessati a verificare in modo rapido e diretto la professionalità degli operatori del settore con cui si trovano a interagire, sia per gli addetti ai lavori – spiega Stefano Albisinni, responsabile dell’Ufficio Elenchi dell’OAM -. Chiunque voglia cercare un Agente o un Mediatore specifico, ad esempio, può facilmente trovare tutte le informazioni di cui ha bisogno, compresa la sua esatta posizione sulla cartina geografica grazie alla nuova funzione di geolocalizzazione che abbiamo introdotto. Dall’altro lato un iscritto non operativo per mancanza di mandato può trovare negli Elenchi una sorta di “vetrina” in grado di aumentare la sua visibilità in un mercato del lavoro sempre più concorrenziale e selettivo. La Guida alla consultazione degli Elenchi che abbiamo pubblicato nei giorni scorsi va appunto in questa direzione e rappresenta l’ennesimo contributo che abbiamo cercato di fornire per migliorare la qualità del lavoro dei professionisti del mondo del credito”.

Grazie alle nuove funzionalità la sezione dedicata agli Elenchi presente sul sito dell’OAM può dunque trasformarsi in uno spazio di incontro tra la domanda e l’offerta di lavoro, che gli operatori possono utilizzare per “proporsi” al mercato o, dall’altra parte, per individuare le risorse e le professionalità di cui si può avere bisogno. Consultando gli Elenchi è possibile effettuare una ricerca generica relativa agli “Iscritti” (persone fisiche e giuridiche), agli “Intermediari Proponenti” e ai “Collaboratori” di soggetti iscritti, valorizzando diversi criteri di ricerca, quali “Cognome e Nome”, “Denominazione Sociale “, “Codice Fiscale”, “Provincia”. È, inoltre, possibile individuare i soggetti autorizzati a operare con uno specifico intermediario preponente e/o uno specifico prodotto. Ancora, il sito offre la possibilità di rintracciare i collaboratori di soggetti iscritti e i risultati ottenuti possono essere filtrati per “Cognome e Nome”; “Codice Fiscale”; “Ruolo”; “Data Inizio Collaborazione”; “Denominazione Soggetto” (riferita al soggetto iscritto con cui collabora); “Elenco” (riferito al soggetto iscritto con cui collabora); “Numero Iscrizione Soggetto” (riferito al soggetto iscritto con cui collabora). Da ultimo, effettuando una ricerca generica sull’elenco è possibile, tramite il tasto “Mappa”, visualizzare la geolocalizzazione degli Iscritti autorizzati a operare sul territorio italiano, con distinzione fra persona fisica e persona giuridica.

“Il nostro auspicio – conclude Albisinni – è che tutti gli iscritti, gli operatori del settore e i consumatori familiarizzino con le funzioni collegate alla consultazione degli Elenchi. Come già accaduto in altre circostanze, l’OAM fornisce uno strumento utile ai soggetti coinvolti nel settore dell’intermediazione creditizia, in un’ottica di semplificazione e miglioramento costante della qualità del lavoro e del servizio offerto ai clienti”.

2 Cosa sono gli Elenchi e a cosa servono

Gli Elenchi dei Mediatori creditizi, degli Agenti in attività finanziaria e degli Agenti che operano per conto di Istituti di pagamento e di Moneta elettronica italiani sono consultabili sul sito dell’OAM (http://www.organismo-am.it/) nella sezione dedicata. Sono predisposti in modo da dare la massima visibilità alle informazioni essenziali inerenti i soggetti in essi iscritti. Tra le altre funzioni, gli Elenchi permettono ai soggetti interessati di valutare i presupposti per l’iscrizione e la cancellazione dagli Elenchi stessi, offrendo al contempo garanzie ai consumatori in merito al possesso dei requisiti di professionalità e di onorabilità in capo ai soggetti iscritti.

3 Come sono strutturati gli Elenchi e quali dati contengono

Gli Elenchi contengono dati specifici relativi a ciascun iscritto.

Nell’Elenco dei Mediatori creditizi sono indicati per ciascun iscritto i seguenti dati:

  • denominazione sociale;
  • data di costituzione;
  • sede legale e, se diversa dalla sede legale, la sede della direzione generale;
  • legale Rappresentante e persona che ne hanno la direzione e controllo;
  • data di iscrizione nell’Elenco;
  • indirizzo della casella di posta elettronica certificata;
  • eventuali provvedimenti di sospensione cautelare ai sensi dell’articolo 128-terdeciesdel decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, in essere nei confronti della società, nonché ogni altro provvedimento incidente sull’esercizio dell’attività sociale;
  • i nominativi dei dipendenti e dei collaboratori di cui il Mediatore creditizio si avvale per lo svolgimento della propria attività ai sensi dell’articolo 128-septies, comma 2, e dell’articolo 128-novies.

Nell’Elenco degli Agenti in attività finanziaria sono indicati per ciascun iscritto:

Per le persone fisiche:

  • cognome e nome;
  • luogo e data di nascita;
  • codice fiscale;
  • data di iscrizione nell’Elenco;
  • indirizzo della casella di posta elettronica certificata;
  • domicilio eletto in Italia e relativo indirizzo, nonché il comune di residenza e il relativo indirizzo, se diversi dal domicilio eletto;
  • indirizzo della casella di posta elettronica certificata; eventuali provvedimenti di sospensione cautelare ai sensi dell’articolo 128-duodecies del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, in essere nei confronti dell’iscritto, nonché ogni altro provvedimento incidente sull’esercizio dell’attività.

Per le persone giuridiche:

  • denominazione sociale;
  • data di costituzione;
  • sede legale e, se diversa dalla sede legale, la sede della direzione generale;
  • legale Rappresentante e persona che ne hanno la direzione e controllo
  • data di iscrizione nell’Elenco;
  • indirizzo della casella di posta elettronica certificata;
  • eventuali provvedimenti di sospensione cautelare ai sensi dell’articolo 128-terdecies del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, in essere nei confronti della società, nonché ogni altro provvedimento incidente sull’esercizio dell’attività sociale.

4 La nuova Guida alla consultazione degli Elenchi

L’OAM ha appena pubblicato una guida aggiornata per la consultazione degli Elenchi. Questo breve vademecum, consultabile all’indirizzo (https://www.organismo-am.it/documenti/Altri_documenti/Guida_Consultazione_Elenchi_OAM.pdf) e scaricabile in Pdf, offre indicazioni sintetiche sui diversi tipi di ricerca che è possibile effettuare all’interno degli Elenchi (Ricerca generica, Ricerca iscritti, Ricerca intermediari proponenti, Ricerca collaboratori) e sulle nuove funzionalità aggiunte (Esportare i risultati delle ricerche in file .CSV e geolocalizzazione degli iscritti).

5 Iscrizione agli Elenchi, requisiti e procedura

L’iscrizione negli Elenchi è subordinata al possesso di determinati requisiti.

Per le persone fisiche:

  • cittadinanza italiana o di uno stato UE o di uno stato diverso secondo le disposizioni dell’art. 2 D. Lgs. n. 286/1998;
  • domicilio in Italia;
  • possesso dei requisiti di onorabilità ai sensi dell’art. 109 TUB;
  • titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore, rilasciato a seguito di un corso di durata quinquennale ovvero quadriennale integrato dal corso annuale previsto per legge, o un titolo di studio estero ritenuto equipollente a tutti gli effetti di legge;
  • frequenza di un corso di formazione professionale nelle materie rilevanti nell’esercizio dell’agenzia in attività finanziaria;
  • superamento dell’apposita prova d’esame indetta dall’Organismo, volta ad accertare il possesso di un’adeguata conoscenza in materie giuridiche, economiche, finanziarie e tecniche;
  • possesso di una casella di posta elettronica certificata e di una firma digitale con lo stesso valore legale della firma autografa ai sensi del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e relative norme di attuazione;
  • una polizza di assicurazione di responsabilità civile per i danni arrecati nell’esercizio dell’attività derivanti da condotte proprie o di terzi del cui operato l’Agente risponde a norma di legge.

Per le persone giuridiche:

  • requisiti patrimoniali e di forma giuridica previsti dalla disciplina civilistica per le società;
  • sede legale e amministrativa o, per i soggetti comunitari, stabile organizzazione nel territorio della Repubblica;
  • oggetto sociale con previsione dell’esercizio in via esclusiva dell’attività di agenzia in attività finanziaria; possono essere previste attività connesse o strumentali e quelle definite compatibili dalla normativa;
  • possesso da parte di coloro che detengono il controllo e dei soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo dei requisiti di onorabilità;
  • possesso da parte dei soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo dei requisiti di professionalità, compreso il superamento di un apposito esame;
  • possesso di una casella di posta elettronica certificata (PEC) e di una firma digitale con lo stesso valore legale della firma autografa ai sensi del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e relative norme di attuazione;
  • una polizza di assicurazione di responsabilità civile per i danni arrecati nell’esercizio dell’attività derivanti da condotte proprie o di terzi del cui operato l’Agente risponde a norma di legge.

L’iscrizione delle persone giuridiche è subordinata al possesso di specifici requisiti di professionalità da parte dei propri esponenti aziendali.

I soggetti con funzioni di amministrazione, direzione e controllo devono essere scelti secondo criteri di professionalità e competenza fra persone che abbiano maturato un’esperienza complessiva di almeno un triennio attraverso l’esercizio di:

  • attività di amministrazione o di controllo ovvero compiti direttivi presso imprese;
  • attività professionali in materia attinente al settore creditizio, finanziario, mobiliare;
  • attività d’insegnamento universitario in materie giuridiche o economiche;
  • funzioni amministrative o dirigenziali presso enti pubblici, pubbliche amministrazioni, associazioni imprenditoriali o loro società di servizi aventi attinenza con il settore creditizio, finanziario, mobiliare ovvero presso enti pubblici o pubbliche amministrazioni che non hanno attinenza con i predetti settori purché le funzioni comportino la gestione di risorse economico finanziarie.

Il presidente del consiglio di amministrazione deve essere scelto secondo criteri di professionalità e competenza fra persone che abbiano maturato un’esperienza complessiva di almeno un quinquennio attraverso l’esercizio dell’attività o delle funzioni indicate alla lettera a);

L’amministratore unico, l’unico socio della società a responsabilità limitata, l’amministratore delegato e il direttore generale devono essere in possesso di una specifica competenza in materia creditizia, finanziaria, mobiliare maturata attraverso esperienze di lavoro in posizione di adeguata responsabilità per un periodo non inferiore a un quinquennio. Gli stessi requisiti sono richiesti per le cariche che comportano l’esercizio di funzioni equivalenti a quella di direttore generale.

Per l’iscrizione negli Elenchi le persone fisiche aventi funzioni di amministrazione e direzione devono inoltre essere in possesso dei seguenti requisiti professionali:

  • titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore, rilasciato a seguito di un corso di durata quinquennale ovvero quadriennale integrato dal corso annuale previsto per legge, o un titolo di studio estero ritenuto equipollente a tutti gli effetti di legge;
  • frequenza di un corso di formazione professionale nelle materie rilevanti nell’esercizio dell‘agenzia in attività finanziaria;
  • possesso di un’adeguata conoscenza in materie giuridiche, economiche, finanziarie e tecniche, accertata tramite il superamento dell’apposito esame, indetto dall’Organismo secondo le modalità da questo stabilite.

Una volta in possesso dei requisiti previsti dalla legge e successivamente all’adempimento degli obblighi disposti, per iscriversi materialmente in un Elenco è necessario:

  • andare sul sito dell’OAM nella sezione “Registrazione” e cliccare su “Registrami”;
  • versare il contributo previsto per l’iscrizione (per l’anno 2015 v. Circolare n. 21/14);
  • compilare il modulo elettronico previsto per la categoria per la quale si richiede l’iscrizione indicando i dati anagrafici, le altre informazioni e fornendo le attestazioni richieste;
  • sottoscrivere l’istanza con firma digitale ed inviarla utilizzando l’apposita funzione;
  • attendere sulla propria casella di posta elettronica certificata (PEC) le comunicazioni dell’Organismo.

Per i Mediatori creditizi l’iscrizione è subordinata al possesso di determinati requisiti (art. 128-septies del T.U.B.):

  •  forma di società per azioni, di società in accomandita per azioni, di società a responsabilità limitata o di società cooperativa;
  • sede legale e amministrativa o, per i soggetti comunitari, stabile organizzazione nel territorio della Repubblica;
  • oggetto sociale con previsione dell’esercizio dell’attività di mediazione creditizia in via esclusiva; possono essere previste le attività connesse o strumentali e quelle definite compatibili dalla normativa ai sensi dell’art. 17, comma 4-quater, del D.Lgs. n. 141/2010;
  • possesso da parte di coloro che detengono il controllo e dei soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo dei requisiti di onorabilità ai sensi dell’art. 15 del D.Lgs. n. 141/2010;
  • possesso da parte dei soggetti che svolgono funzioni di amministrazione e direzione dei requisiti di professionalità, compreso il superamento di un apposito esame (qualora non esonerati per effetto del regime transitorio);
  • possesso di una casella di posta elettronica certificata (PEC) e di una firma digitale con lo stesso valore legale della firma autografa ai sensi del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e relative norme di attuazione.

Il capitale sociale versato non deve essere inferiore a quello previsto per le società per azioni dall’art. 2327 del Codice civile (50.000 euro), così come modificato dall’art. 20, comma 7, D. L. n. 91/2014 convertito in con la legge n. 116/2014.

Affinché l’iscrizione risulti efficace, ed essere al tempo stesso un requisito previsto dalla legge, è necessaria la stipula di una polizza di assicurazione di responsabilità civile per i danni arrecati nell’esercizio dell’attività derivanti da condotte proprie o di terzi del cui operato la società risponde a norma di legge.

Infine l’iscrizione delle società di mediazione creditizia nel relativo Elenco è subordinata al possesso dei seguenti requisiti di professionalità da parte dei propri esponenti aziendali ai sensi dell’art. 14, comma 2, del D. Lgs. n. 141/2010:

– i soggetti con funzioni di amministrazione, direzione e controllo devono essere scelti secondo criteri di professionalità e competenza fra persone che abbiano maturato un’esperienza complessiva di almeno un triennio attraverso l’esercizio di:

  •  attività di amministrazione o di controllo ovvero compiti direttivi presso imprese;
  •  attività professionali in materia attinente al settore creditizio, finanziario, mobiliare;
  •  attività d’insegnamento universitario in materie giuridiche o economiche;
  •  funzioni amministrative o dirigenziali presso enti pubblici, pubbliche amministrazioni, associazioni imprenditoriali o loro società di servizi aventi attinenza  con il settore creditizio, finanziario, mobiliare ovvero presso enti pubblici o pubbliche amministrazioni che non hanno attinenza con i predetti settori purché le funzioni comportino la gestione di risorse economico-finanziarie;

– il Presidente del consiglio di amministrazione deve essere scelto secondo criteri di professionalità e competenza fra persone che abbiano maturato un’esperienza complessiva di almeno un quinquennio attraverso l’esercizio dell’attività o delle funzioni indicate sopra;

– l’Amministratore unico, l’unico socio della società a responsabilità limitata, l’amministratore delegato e il direttore generale devono essere in possesso di una specifica competenza in materia creditizia, finanziaria, mobiliare maturata attraverso esperienze di lavoro in posizione di adeguata responsabilità per un periodo non inferiore a un quinquennio. Analoghi requisiti sono richiesti per le cariche che comportano l’esercizio di funzioni equivalenti a quella di direttore generale.

Ai fini dell’iscrizione coloro che svolgono funzioni di amministrazione e direzione, scelti secondo i criteri sopra descritti, devono, altresì, essere in possesso dei seguenti requisiti professionali ai sensi del comma 1 dell’art. 14 del D. Lgs. n. 141/2010:

– titolo di studio non inferiore al diploma d’istruzione secondaria superiore, rilasciato a seguito di un corso di durata quinquennale ovvero quadriennale integrato dal corso annuale previsto per legge, o un titolo di studio estero ritenuto equipollente a tutti gli effetti di legge (si segnala che con la Circolare n. 10/13 l’OAM ha previsto e introdotto le disposizioni inerenti la prosecuzione dell’attività di agenzia in attività finanziaria e di mediazione creditizia da parte di soggetti iscritti nei precedenti Elenchi tenuti da Banca d’Italia e privi di un diploma di scuola superiore di durata quinquennale, valevole solo per coloro i quali avessero fatto richiesta alla data fissata);

– frequenza di un corso di formazione professionale nelle materie rilevanti nell’esercizio della mediazione creditizia;

– possesso di un’adeguata conoscenza in materie giuridiche, economiche, finanziarie e tecniche, accertata tramite il superamento dell’apposito esame, indetto dall’Organismo secondo le modalità da questo stabilite.

BOX 1

Domanda:
Quali requisiti sono richiesti per l’iscrizione di ditte individuali?

La normativa prevede che possono essere iscritte nell’Elenco soltanto le persone fisiche e le società. Dunque le imprese individuali possono esercitare l’attività di agenzia utilizzando l’iscrizione personale del titolare.

Domanda:
Quali requisiti sono richiesti per l’iscrizione di un’impresa familiare?

La normativa prevede che possono essere iscritte nell’Elenco soltanto le persone fisiche e le società. Conseguentemente, le imprese familiari possono esercitare l’attività di agenzia utilizzando l’iscrizione personale del titolare e di tutti gli altri partecipanti che intendano svolgere l’attività di agenzia. Ove l’impresa, per lo svolgimento dell’attività di agenzia, si avvalga di collaboratori esterni è richiesta l’iscrizione anche di questi ultimi.

BOX 2

Domanda:
Qual è la differenza tra iscritto “operativo” e iscritto “non operativo”?

L’iscritto “operativo” è l’unico autorizzato a esercitare la professione di Agente in attività finanziaria o di Mediatore creditizio. Il “non operativo” NON è autorizzato a operare, a causa della mancanza di un mandato valido e/o della polizza assicurativa richiesta per legge, o per provvedimenti sanzionatori da parte dell’Organismo.

Domanda:
Come si presenta la richiesta di iscrizione agli Elenchi OAM?

L’istanza di Iscrizione deve essere presentata esclusivamente per via telematica mediante la compilazione di un apposito modulo elettronico presente all’interno dell’Area Privata sotto la voce “Servizi”.  Il modulo d’iscrizione deve essere firmato con la propria Firma Digitale valida.

Domanda:
Dopo quanto si ottiene l’iscrizione negli Elenchi OAM?

Il termine massimo per la conclusione del procedimento d’iscrizione è di 120 giorni, fatte salve le ipotesi di interruzione o sospensione del procedimento previste dal Regolamento OAM. Ci vuole in genere molto meno ma dipende dal tipo di iscrizione, dai controlli che l’Organismo deve effettuare. Le iscrizioni devono comunque essere deliberate dal Comitato di Gestione che si riunisce con cadenza mensile

6 Requisiti per il mantenimento dell’iscrizione

La possibilità di rimanere iscritti negli Elenchi è in primo luogo collegata al mantenimento dei requisiti di professionalità e onorabilità previsti dalla legge per l’iscrizione iniziale. Per quanto riguarda la professionalità, è necessario adempiere agli obblighi di formazione previsti dalle circolari OAM numero 19 e 20 del 2014 (60 ore di formazione in un biennio, con un minimo di 15 per singolo anno). In caso di mancata regolarità con i detti obblighi, è necessario recuperare le ore mancanti entro l’anno successivo e inviare una comunicazione all’OAM.

In merito all’onorabilità, in caso di provvedimenti che vengono iscritti nel casellario giudiziale di un soggetto iscritto negli Elenchi, tale soggetto è tenuto a darne comunicazione all’OAM entro dieci giorni. Lo stesso accade in relazione ai carichi pendenti.

In aggiunta a ciò, ogni anno gli iscritti sono tenuti a comunicare all’Organismo la stipula di una nuova polizza rc professionale o il rinnovo di quella già in essere.

Gli Agenti in attività finanziaria e gli Agenti dei servizi di pagamento devono comunicare i mandati assunti.

Da ultimo il mantenimento dell’iscrizione è subordinato alla regolarità nel pagamento del relativo contributo per ciascun anno di iscrizione.

BOX 3

Domanda:
La permanenza nell’Elenco OAM al quale si è iscritti a quali condizioni è subordinata?

La permanenza nell’elenco è subordinata al mantenimento dei requisiti previsti per l’iscrizione, all’esercizio effettivo dell’attività, all’aggiornamento professionale e alla corresponsione dei contributi fissati dall’Organismo.

Domanda:
Chi deve frequentare i corsi di aggiornamento professionale?

– i soggetti iscritti come persone fisiche
– i soggetti che svolgono funzioni di amministrazione o direzione presso società iscritte
– i dipendenti/collaboratori a contatto con il pubblico, all’interno delle società iscritte

7 Passaggio da un Elenco ad un altro

Per il passaggio da un Elenco a un altro sono previsti specifici adempimenti che variano in base al tipo di “trasferimento” desiderato.

Da Agente in attività finanziaria ad amministratore di un Mediatore creditizio:

Il soggetto deve presentare istanza  all’OAM di cancellazione dall’Elenco riservato agli Agenti ed essere inserito nelle vesti di amministratore all’interno di una società di Mediazione creditizia iscritta od in iscrizione, rispettati i requisiti – come quelli di professionalità – previsti dalla normativa.

I requisiti maturati in precedenza alla cancellazione sono mantenuti in vista di una possibile futura iscrizione nell’Elenco degli Agenti, fatti salvi gli obblighi di formazione ed aggiornamento professionale.

Da Agente in attività finanziaria a collaboratore di un Mediatore creditizio:

Il soggetto deve presentare all’OAM istanza di cancellazione dall’Elenco riservato agli Agenti ed essere inserito da una società di Mediazione creditizia iscritta o in iscrizione all’interno dell’elenco dei collaboratori di cui essa si avvale.

I requisiti maturati in precedenza alla cancellazione sono mantenuti in vista di una possibile futura iscrizione nell’Elenco degli Agenti, fatti salvi gli obblighi di formazione ed aggiornamento professionale.

Da amministratore di un Mediatore creditizio a collaboratore di un Agente in attività finanziaria:

La società di Mediazione iscritta deve comunicare all’OAM la fine del rapporto di amministrazione. Il soggetto potrà quindi essere inserito, da una società di Agenzia in attività finanziaria, come collaboratore mediante comunicazione all’OAM. Laddove la collaborazione si instauri con un Agente iscritto come persona fisica o Società di Persone, sarà necessario che il soggetto presenti anche domanda di iscrizione come Agente in attività finanziaria.

Da amministratore di un Mediatore creditizio ad Agente in attività finanziaria:

La società di Mediazione iscritta deve comunicare all’OAM la fine del rapporto di amministrazione. Il soggetto potrà, quindi, presentare domanda di iscrizione come Agente in attività finanziaria.

Da Agente in attività finanziaria ad Agente nei servizi di pagamento:

Il soggetto deve presentare istanza all’OAM di cancellazione dall’Elenco riservato agli Agenti in attività finanziaria e richiedere l’iscrizione nella sezione speciale dedicata agli Agenti nei servizi di pagamento.

I requisiti maturati in precedenza alla cancellazione sono mantenuti in vista di una possibile futura iscrizione nell’Elenco degli Agenti in attività finanziaria, fatti salvi gli obblighi di formazione ed aggiornamento professionale.

BOX 4

Domanda:
Chi è già iscritto all’Oam può passare da un elenco a un altro?

Sì, è possibile il passaggio da un Elenco ad un altro. In questi casi bisogna comunicare all’Oam l’intenzione di procedere in tal senso per poter essere seguiti nell’iter. La richiesta deve pervenire tramite Pec.
Esempio: se una agenzia (società) in attività finanziaria vuole diventare una società di mediazione, deve richiedere la cancellazione come agenzia e contestualmente presentare domanda d’iscrizione come società di mediazione. Deve ovviamente adeguare l’atto costitutivo (oggetto sociale e capitale sociale) e se ci sono esponenti iscritti come agenti in attività finanziaria, devono, anch’essi, richiedere la cancellazione dagli elenchi per non creare incompatibilità.

Domanda:
Chi si cancella da un elenco per passare a un altro mantiene i requisiti se in futuro volesse tornare nel precedente elenco in cui era iscritto?

Sì.

Finestra sull’OAM, la Guida agli Elenchi ultima modifica: 2015-05-18T10:50:02+00:00 da Comunicazioni OAM

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: