Fintech, Roberto Nicastro: “Grazie alla PSD2 le società che si occupano di finanza tecnologica potranno erogare credito alle pmi”

FintechLa fintech rappresenta una grande opportunità per il sistema del credito e della finanza italiana. È questa l’opinione di Roberto Nicastro, ex direttore generale del gruppo Unicredit e oggi investitore nel settore della finanza tecnologica, intervenuto al Fintech Innovation, appuntamento di due giorni all’Auditorium Parco della Musica di Roma.

“Grazie ai servizi innovativi offerti dalla fintech le piccole medie imprese possono emanciparsi nei confronti del fornitore di servizi, che sia banca o no, ricucendo il gap rispetto alle grandi imprese nell’accesso ai servizi finanziari – ha spiegato il banchiere -. Inoltre la finanza tecnologica rappresenta un’opportunità di investimento anche per le banche, dato che spesso sviluppare l’innovazione in casa può essere sbagliato, come ha dimostrato il settore farmaceutico, mentre può essere un’opportunità importante collaborare con piccoli player specializzati in servizi specifici”.

Per Nicastro il futuro del credito e della finanza sono strettamente collegati non solo alla fintech e alla digitalizzazione ma anche alla PSD2, la direttiva Ue che mira a promuovere lo sviluppo di un mercato interno dei pagamenti al dettaglio efficiente, sicuro e competitivo, rafforzando la tutela degli utenti dei servizi di pagamento, sostenendo l’innovazione e aumentando il livello di sicurezza dei servizi di pagamento elettronici.

“Tipicamente – ha sottolineato il banchiere – le banche di territorio erogano denaro alle imprese sulla base della reputazione, con un modello che non può essere replicato su larga scala. Le banche di grandi dimensioni, invece, si basano sulla fotografia dei flussi finanziari delle aziende, in base ai quali viene assegnato uno scoring. Grazie alla PSD2 questa operazione potrà essere fatta non più solo dalle banche ma anche dalle società fintech, che potranno fare concorrenza diretta agli istituti di credito”.

Oggi, ha proseguito Nicastro, in Italia il credito che le aziende fintech erogano alle pmi si aggira intorno ai 30 milioni, pari a circa lo 0,10% del totale. “Nel Regno Unito questo valore è quattro volte più alto, segno delle enormi potenzialità di sviluppo che ha la fintech. Perché queste potenzialità si trasformino in realtà, però, è necessario che le società che si occupano di finanza tecnologica costruiscano un solido rapporto di fiducia con i clienti, visto che quello che si crea con l’erogazione di un finanziamento è un rapporto di lungo periodo, che deve necessariamente basarsi sulla fiducia”.

 

Fintech, Roberto Nicastro: “Grazie alla PSD2 le società che si occupano di finanza tecnologica potranno erogare credito alle pmi” ultima modifica: 2018-05-03T11:18:34+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: