Fintech, tutto pronto per il debutto di Tinaba, startup italiana che promette di mandare in pensione le banche tradizionali

Tinaba LogoTutto pronto per il debutto di Tinaba, la startup lanciata dal fondo di private equity Sator che promette di mandare in pensione le banche tradizionali. Con un nome che è altro non è se non l’acronimo di “This is not a bank”, la nuova realtà rappresenta l’ultima frontiera della fintech, la tecnologia applicata alla finanza, e si presenta appunto come la banca che non è una banca, pronta a offrire ai propri clienti una serie di servizi estremamente innovativi.

I clienti potranno effettuare pagamenti e micropagamenti in modo del tutto gratuito, usufruendo di funzioni quali cassa comune on-line e off-line, you&me o “paga alla romana”.

“Tinaba è ora e per sempre gratuita e ti permette di avere in un’unica app il controllo per scambiare denaro con chiunque, pagare nei negozi, dare vita ai tuoi progetti e molto altro ancora – si legge sul sito della società -. Consente inoltre di gestire in un’unica applicazione il denaro della tua attività in modo semplice e veloce, pagando zero commissioni sulle transazioni dei clienti”.

In aggiunta a tutto questo la startup promuove un sistema parallelo per i merchant, inclusi i piccoli e piccolissimi esercizi commerciali, completamente gratuito e in grado di favorirne lo sviluppo dell’attività, e offre attività di crowdfunding, adattabile ad ogni tipo di utilizzo.

A raccontare il funzionamento della nuova realtà è stato il fondatore Matteo Arpe, parlando delle nuove frontiere del fintech al Galileo Festival dell’Innovazione, che si è svolto nei giorni scorsi a Padova.

Nella su attività, ha sottolineato Arpe, Tinaba opererà congiuntamente a un istituto bancario tradizionale, stipulando un accordo in esclusiva con un singolo istituto di credito in ogni Paese in cui comincerà a offrire i suoi servizi.

 

Fintech, tutto pronto per il debutto di Tinaba, startup italiana che promette di mandare in pensione le banche tradizionali ultima modifica: 2016-05-09T11:04:14+00:00 da Redazione

Print Friendly
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: