Freddie Mac, in calo i tassi di interesse sui mutui

Freddie Mac ha comunicato i risultati del proprio Primary Mortgage Market Survey da cui traspare che i tassi d’interesse dei mutui sono in diminuzione per la seconda settimana consecutiva.

Nello specifico, il tasso d’interesse medio per i mutui trentennali a tasso fisso (Frm) si attesta al 4,78% nella settimana che si è conclusa lo scorso 28 aprile, in calo quindi rispetto al 4,80% dei sette giorni precedenti. Lo scorso anno, nella stessa settimana, il tasso d’interesse era pari al 5,06%.

Anche per quanto riguarda i mutui a 15 anni a tasso fisso, il tasso d’interesse medio è sceso al 3,97%: la settimana precedente corrispondeva al 4,02%, mentre un anno fa nello stesso periodo addirittura al 4,39%.

I mutui ARM (adjustable-rate mortgage) a 5 anni si attestano questa settimana su una media del 3,51%, in calo rispetto al 3,61% della settimana precedente e al 4% dello stesso periodo del 2010.

Infine gli ARM a 1 anno registrano questi valori medi: 3,15% questa settimana, 3,16% la scorsa, 4,25% un anno fa.

Frank Nothaft, vice presidente e chief economist di Freddie Mac, ha dichiarato: “I tassi di interesse sono in calo questa settimana, in un contesto economico che resta debole a livello locale per quanto riguarda le condizioni di business e il costo delle case”. “La Regional Federal Reserve Banks – prosegue Nothaft – segnala anche che nel mese di aprile le attività di business in generale e manifatturiere in particolare sono in forte calo a Philadelphia, Dallas e Richmond”.

Il calo del prezzi delle abitazioni e l’alto numero di pignoramenti condizionano il mercato immobiliare. Tra il terzo trimestre dello scorso anno e il primo di questo 2011, lo stock abitativo registra una diminuzione di circa 400 mila proprietari di casa, secondo quanto riferito dal Census Bureau, l’organo di censimento ufficiale del governo degli Stati Uniti.

Freddie Mac, in calo i tassi di interesse sui mutui ultima modifica: 2011-05-02T07:42:07+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: