Gabetti: immobiliare, record investimenti del mercato corporate nel I semestre

Il primo semestre 2022 è stato il migliore di sempre per gli investimenti del mercato corporate. Lo ha sottolineato oggi il gruppo Gabetti, che parla di un volume totale di investimenti pari a 6 miliardi di euro e un aumento del 92% rispetto allo stesso periodo del 2021.

Nel dettaglio, nei primi sei mesi dell’anno il settore degli uffici è rimasto “l’asset class maggiormente preferita dagli investitori e che ha contribuito maggiormente al risultato generale con il 37% del totale (circa 2,2 miliardi di euro)”, precisa un comunicato stampa. La logistica conferma la sua crescita occupando il 24% del totale investito con un volume complessivo pari a 1,4 miliardi di euro. Segue il settore residenziale, sempre più sotto il radar degli investitori, che segna valori di crescita registrando 764 milioni di euro, il 13% del totale investito. Segnali postivi anche per il comparto degli alberghi con 714 milioni di euro (12% del totale). Il settore retail con 390 milioni di euro investiti registra dei valori in crescita rispetto allo stesso periodo del 2021 (+135%), grazie a investimenti in retail park e supermercati.

Nel primo semestre 2022 il volume maggiore di investimenti, riconducibili a una specifica area geografica, si è realizzato nel Nord Italia con il 54%, segue il Centro con il 21% e il Sud con il 3%. Il restante 22% risulta composto da portafogli sparsi sul territorio nazionale.

Dal punto di vista della provenienza dei capitali, gli investitori stranieri, principalmente dagli Usa, risultano gli operatori più attivi nel settore uffici, logistico e residenziale. I capitali domestici rimangono focalizzati soprattutto sul prodotto uffici.

“L’andamento prospettico per il secondo semestre 2022 dipenderà molto dalle dinamiche inflazionistiche. A tal proposito, lo scenario macroeconomico attuale segnato dal conflitto in Ucraina e dalla coda degli effetti della pandemia (che hanno portato la curva inflattiva oltre i livelli di guardia), condizionerà gli investitori ad affrontare gli investimenti con maggiore attenzione. In questo panorama, gli investitori necessitano di essere supportati da analisi più approfondite volte a individuare quali settori e quali territori possano consentire un asset allocation maggiormente profittevole, considerando che tutte le asset class hanno mostrato in questo primo semestre segnali positivi o di stabilità”, ha dichiarato Claudio Santucci, direttore settore capital markets Italia.