Generali in flessione alla fine del primo semestre: utile netto a 806 milioni di euro

Generali ha chiuso il primo semestre del 2011 con un utile netto di 806 milioni di euro, in calo rispetto agli 873 milioni realizzati nella prima metà del 2010.

Come si legge nel comunicato, sul risultato hanno pesato svalutazioni per 283 milioni di euro, relative ai titoli di stato greci e alla partecipazione detenuta in Telco. Il dato è stato superiore alle attese degli analisti, che stimavano un utile netto di 793 milioni di euro. Al contrario, il risultato operativo è aumentato del 12,7% e ha superato i 2,4 miliardi di euro. I premi lordi complessivi sono scesi del 6%, passando da 38,13 miliardi a 35,85 miliardi di euro. La flessione più marcata è stata registrata nel ramo vita (-9,5%).

Al 30 giugno 2011 il patrimonio netto della compagnia ammontava a 17,23 miliardi di euro, in leggero calo rispetto ai 17,49 miliardi di inizio anno. Il margine di solvibilità, che indica la solidità patrimoniale delle compagnie assicurative, si è attestato al 134%, in miglioramento di due punti percentuali rispetto ai livelli di inizio anno.

Il Group CEO di Generali, Giovanni Perissinotto, ha commentato con queste parole: “Generali si conferma un gruppo solido e capace di realizzare performance industriali in crescita anche in momenti di forti tensioni e volatilità nei mercati – ha dichiarato –. Inoltre, in questo contesto economico-finanziario difficile, la diversificazione e solidità dei nostri investimenti ci ha permesso di mantenere stabile il nostro patrimonio netto. Continua la nostra strategia di crescita nei mercati ad alto potenziale di sviluppo e il focus sull’efficientamento dei Paesi core europei. A seguito delle positive evidenze ottenute ad oggi da tutte le nostre linee di business, ci sentiamo di confermare per fine anno i target di risultato operativo compresi tra € 4-4,7 miliardi”.

Leggi il comunicato completo

 

Generali in flessione alla fine del primo semestre: utile netto a 806 milioni di euro ultima modifica: 2011-08-05T13:21:16+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: