Gesi Finance, tre nuovi ingressi nella squadra

Gesi Finance LogoGesi Finance s.p.a., società di mediazione creditizia specializzata nella cessione del quinto, annuncia tre nuovi inserimenti all’interno dello staff aziendale. L’ultimo anno è stato molto importante per Gesi, ci sono stati grandi cambiamenti e novità, l’azienda è diventata mediatore creditizio e trasformato la sua forma giuridica da s.r.l. a s.p.a., con un’evoluzione strutturale che si è resa necessaria per adeguarsi alla nuova configurazione più evoluta e alle relative maggiori opportunità ottenibili dal mercato.

I nuovi professionisti che entrano a far parte della struttura di Gesi saranno responsabili di tre importanti aree interne all’organizzazione, e con il loro know-how contribuiranno all’ulteriore sviluppo del business della società.

Voce, Gesi FinanceRiccardo Voce è il nuovo direttore operation e partnership. Ha ricoperto per anni funzioni di direzione operativa e commerciale per importanti istituti finanziari, toccando con mano la realtà di settore su tutto il territorio italiano. “Sono in una realtà giovane e volitiva che è riuscita a emergere in un settore altamente competitivo come quello della cessione del quinto e, sopratutto, è in continua crescita, perché è una delle poche realtà a carattere nazionale che può vantarsi di offrire un’ampia gamma di prodotti di cessione del quinto grazie ad accordi diretti con gli istituti finanziati e bancari leader di settore”, sottolinea Voce.

Il nuovo capo area della rete mediata per il territorio del Sud Italia è Cristina Cortile, che ha alle spalle anni di esperienza commerciale nella cessione del quinto. “Con Gerardo siamo entrati subito in sintonia – dichiara Cortile –. Gesi è una società ben strutturata e ambiziosa, abile a trovare nelle trasformazioni di settore dell’ultimo anno delle opportunità di sviluppo. Conosco molto bene il mercato campano e più in generale quello del Sud Italia, ritengo che abbia un gran potenziale e ho colto con grande entusiasmo le possibilità di sviluppo di una rete commerciale in questa zona”.

Il terzo ingresso è quello di Lorenzo Bianchi, avvocato romano che si occuperà degli aspetti relativi alla compliance e all’antiriciclaggio. “ll mediatore creditizio è un soggetto molto delicato dal punto di vista delle procedure e dei regolamenti interni – commenta Bianchi -. L’ultima riforma di settore ha innalzato le barriere di ingresso nel settore del credito, prevedendo una struttura di vigilanza interna articolata, nel caso di Gesi, in tre livelli. A dir la verità ho trovato già un’ottima organizzazione all’interno dell’azienda nella quale sono da poco entrato, sia dal punto di vista del rispetto delle procedure già esistenti che dal punto di vista dell’adattamento alle istruzioni da me impartite per rendere la struttura dei controlli ancor più efficace”.

Parrella, Gesi Finance“In pochi mesi siamo riusciti a creare una rete distributiva consolidata sul territorio italiano, costantemente arricchita da nuovi ingressi di collaboratori che rispettano determinati standard di qualità e competenza – commenta soddisfatto l’amministratore unico Gerardo Parrella –. Gli ingressi di Riccardo e Cristina sono propedeutici al piano di sviluppo della nostra rete sul territorio italiano, previsto per il 2018. Lorenzo ci aiuterà, invece, nella delicata attività di compliance, perché, in quanto mediatori, abbiamo una serie di obblighi e di direttive tassative da seguire per svolgere la nostra attività ed essere in regola con quanto richiesto dagli organi di vigilanza. Avevamo bisogno di figure che potessero non solo dare un apporto determinante al progetto e ad altri aspetti dell’organizzazione aziendale, grazie alla consolidata esperienza nel settore, ma che rispecchiassero determinati valori professionali ed umani in linea con la nostra vision aziendale, per questo sono sicuro che Riccardo, Cristina e Lorenzo siano le persone giuste nel posto giusto”.

Gesi Finance, tre nuovi ingressi nella squadra ultima modifica: 2017-12-11T09:00:08+00:00 da Pubbliredazionale

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: