Giandomenico Carullo, vice direttore generale di Creacasa: “Siamo cresciuti del 10%. Chiuderemo l’anno con 380 milioni di erogato sui mutui”

Giandomenico Carullo Creacasa“Il comparto mutui legato alle sole compravendite immobiliari in questo fine anno è cresciuto di circa l’8% rispetto al 2013. A maggio scorso l’incremento era del 3%, dato in decisa controtendenza rispetto alle previsioni. In questo contesto la nostra società sta registrando una crescita nel comparto mutui acquisto del 10%, in linea con il mercato, con un’erogazione complessiva che a ottobre ha toccato i 289 milioni. Il nostro obiettivo è chiudere il 2014 con un erogato di 380 milioni, un risultato di tutto rispetto per una rete agenti che conta 270 unità”. Nel presentare i risultati dei primi tre trimestri dell’anno Giandomenico Carullo, vice direttore generale di Creacasa, non nasconde la propria soddisfazione. Con lui parliamo dei traguardi raggiunti, del progetto legato all’agenzia assicurativa e delle sfide future.

Quali fattori vi hanno consentito di ottenere una crescita così rilevante in un momento non certo facile come quello che stiamo attraversando?

Veniamo da quasi tre anni di profonda crisi del settore, ma la solidità del Gruppo Credem ci ha permesso di mantenere costanti le erogazioni e questo, unitamente a un’attenta gestione del bilancio, ci ha consentito di incrementare gli investimenti rivolti alla rete nei momenti più difficili.

Come procede la vostra attività di recruiting di agenti?

Il recruiting è uno degli obiettivi del piano di crescita di Creacasa. La rete “storica” ha retto bene alla crisi registrata nel 2012 e 2013, anni in cui potevamo contare su circa 240 agenti. Il 2014 ha registrato un turnover fisiologico, con 68 nuovi ingressi, tra i quali spiccano professionalità importanti del nostro settore. Attualmente siamo a quota 270 agenti e l’obbiettivo nel prossimo triennio è di arrivare a 400.

Che novità ci sono per la vostra agenzia assicurativa? State rispettando i traguardi che vi eravate prefissati?

Abbiamo lavorato e investito molto su questo progetto assicurativo e sulla rete e oggi, a un anno esatto dal lancio, siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti. Oltre al mandato con la compagnia assicurativa del Gruppo, Credem Assicurazioni e Credem Vita, abbiamo sottoscritto mandati agenziali con altri importanti operatori, come Das e Net Insurance. Dopo i primi mesi di rodaggio la rete viaggia attualmente a ritmi che definirei eccellenti, considerato che la media dei contratti collocati negli ultimi sei mesi è di circa 400 ogni quattro settimane.

Che prospettive avete per l’anno prossimo? Sarà sulla scia di quello che sta per concludersi oppure si può sperare che la ripresa si consolidi e che si torni a crescere in modo più consistente?

Nel corso di questi otto anni abbiamo mantenuto una costante crescita innovativa e progettuale, orientata soprattutto verso la nostra rete. Ovviamente i numeri sono importanti, ma mettiamo sempre al primo posto l’obbiettivo di creare valore nel tempo . Il nostro core business sono e rimarranno  sempre i mutui residenziali; in questi anni, però, l’evoluzione del “Progetto Creacasa” ci ha portato a collocare la maggior parte dei prodotti retail rivolti all’impiego, il che ci porta a confrontarci con nuove sfide e a porci traguardi sempre più ambiziosi. Fatta questa premessa, le previsioni per il comparto mutui acquisto sono di un costante miglioramento delle contrattazioni. Per questo ci siamo posti l’obiettivo di arrivare a un erogato di 400 milioni, mentre nel comparto small business puntiamo a crescere del 15%. In questo senso l’introduzione nel portafoglio prodotti del finanziamento alle imprese ci darà un impulso in più. L’intento è segnalare  700 nuovi rapporti small business a Credem Banca.

Da poco avete lanciato un nuovo mutuo a tasso zero. Ci spiega quali sono le sue caratteristiche?

Il nostro Mutuo Verso Casa è collocato sul mercato sia dalla rete agenti Creacasa che dalla rete filiali del Gruppo Credem e rappresenta una vera novità sul mercato perché offre un doppio vantaggio. Sappiamo tutti quanto incidano i costi che il cliente deve sostenere al momento dell’acquisto di una nuova abitazione. Mutuo Verso Casa va incontro al mutuatario eliminando per i primi sei mesi la componente interessi dal piano di ammortamento, per passare successivamente a uno spread tra i più bassi sul mercato, che parte dall’1,85% per chi sottoscrive un mutuo al 50% di loan to value e durata ventennale. Ovviamente sono previsti spread e fasce di durata fino a 30 anni e ltv che arrivano anche al 95% del prezzo di acquisto dell’immobile. Ma non ci fermiamo al solo acquisto della prima abitazione: il nostro finanziamento può essere sottoscritto anche dai clienti che intendono rottamare il proprio mutuo nel caso in cui si riveli obsoleto e non più adatto alle loro esigenze.

Giandomenico Carullo, vice direttore generale di Creacasa: “Siamo cresciuti del 10%. Chiuderemo l’anno con 380 milioni di erogato sui mutui” ultima modifica: 2014-11-21T14:23:28+00:00 da Redazione

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: