Gianluca Iorio, direttore commerciale di Ibl Family: “Con Rete Quinto puntiamo a chiudere il 2020 con 200 milioni di erogato”

Gianluca Iorio Ibl Family“Il nostro non è un esordio ma un’evoluzione del modello di business. Abbiamo alle spalle una storia lunga legata a doppio filo al credito alle famiglie: nasciamo con Finanziaria Familiare s.p.a., la società specializzata nel settore dei finanziamenti e della cessione del quinto dello stipendio prima controllata da Tecnocasa Holding s.p.a. e partecipata dal 2015 da Ibl Banca. L’istituto ha perfezionato nel primo trimestre 2019 l’acquisizione del 70% di Finanziaria Familiare, che ha cambiato denominazione sociale in Ibl Family. La società ha già portato a segno risultati importanti nel comparto della cessione del quinto, da cui la decisione nel 2020 di creare una rete specializzata con il marchio Ibl Family Rete Quinto”. Gianluca Iorio, direttore commerciale di Ibl Family, risponde alle nostre domande su Ibl Family Rete Quinto.

Come siete strutturati?
Nella sua nuova dimensione e compagine societaria, Ibl Family è operativa su tutto il territorio nazionale con una rete di mediatori e agenti e con risultati lusinghieri: la società ha chiuso il primo anno di attività con una produzione di 164 milioni di euro e 6.000 pratiche nell’ambito della cessione del quinto, con un incremento del 100% rispetto all’anno precedente. Nel 2020 il target è raggiungere i 200 milioni di euro solo per questa tipologia di prestiti.

L’emergenza sanitaria che il Paese sta vivendo porterà un incremento delle richieste di cessione del quinto rispetto ai prestiti personali, più difficili da ottenere?
Sicuramente la situazione contingente già sta avendo e avrà ripercussioni in tutti gli ambiti della nostra vita. Auspichiamo che l’emergenza sanitaria possa rientrare al più presto e che le misure che saranno messe in atto dalle Istituzioni, anche a livello europeo, possano sostenere in modo robusto la ripresa. Per quanto ci riguarda siamo pronti a fare la nostra parte e la nostra rete, seppur con le dovute precauzioni e nel rispetto dei limiti stringenti imposti dalla gravità della situazione, continua a essere attiva e operativa su tutto il territorio e a rispondere alla domanda di credito delle famiglie con prodotti e strumenti adeguati, nel rispetto della sostenibilità e della trasparenza. È probabile che l’emergenza in corso porterà a una valutazione diversa del rischio credito e assicurativo, ma confidiamo nelle giuste valutazioni prospettiche dei nostri partner assicurativi con cui collaboriamo in maniera virtuosa ormai da tanti anni.

Quali sono le previsioni per il 2021?
Nel corso di quest’anno puntiamo a reclutare 15 nuovi agenti da inserire all’interno di Ibl Family Rete Quinto, professionisti che abbiano un’approfondita conoscenza del prodotto e del territorio in cui operano. Il nostro progetto di sviluppo e crescita ulteriore è frutto di una riorganizzazione e di un’ottimizzazione del modello di business, costruito con ed in funzione di una rete di partner, composta ad oggi da 60 unità, di cui 35 mediatori e 25 agenti con cui abbiamo già proficui rapporti di collaborazione e importanti sinergie. Per il 2021 vorremmo arrivare nel complesso a 100 partner, soprattutto ampliando Ibl Family Rete Quinto, per consolidare la nostra presenza su tutto il territorio nazionale. Dal punto di vista invece della produzione, l’obiettivo è quello di continuare con un trend di crescita del 15% sui risultati del 2020. Siamo fortemente concentrati sul prodotto cessione del quinto dello stipendio e della pensione e in quest’ultimo caso abbiamo ampliato il classico target includendo anche i pensionati italiani risiedono all’estero. Ma andiamo anche oltre proponendo prodotti innovativi, ad esempio l’anticipo del trattamento di fine servizio. Un finanziamento che va incontro alle necessità dei dipendenti pubblici che raggiungono la pensione e permette di ottenere la liquidazione in tempi più rapidi rispetto alla prassi del settore che richiede un’attesa che può arrivare anche a 24 mesi.

Quali sono le vostre priorità dal punto di vista del nuovo business? Su cosa vi concentrerete?
La visione strategica alla base del nuovo corso avviato da Ibl Family, sotto la guida dell’amministratore delegato, Oscar Cosentini, è quella di una crescita costante nel tempo in sinergia e in sintonia con una rete commerciale selezionata, che condivida non solo un marchio ma soprattutto valori e obiettivi. Non puntiamo pertanto ai grandi numeri, seppur abbiamo obiettivi ambiziosi, ma soprattutto sulla qualità. In questi mesi ci concentreremo pertanto molto sul recruiting e sulla ricerca di talenti e capacità distintive. Con la neonata Ibl Family Rete Quinto intendiamo diversificare la nostra presenza sul mercato con un nuovo canale di vendita dedicato, che potrà fare leva per lo sviluppo del business su attività di marketing, vendita, comunicazione, formazione, strumenti di lead generation messi a disposizione da Ibl Family. Siamo ben strutturati per lavorare al fianco dei nostri agenti e fornire loro in maniera snella un supporto concreto, centralizzato e specialistico, con soluzioni che favoriscano la competitività.