Giorgio Lippi, direttore generale Banca di Sassari: “I nostri agenti sono fondamentali per il raggiungimento degli obiettivi che ci siamo dati”

La Banca di Sassari è la società prodotto del Gruppo Bper specializzata nel credito al consumo e nella emissione e gestione di carte di pagamento. Giorgio Lippi, direttore generale dell’istituto, racconta questo primo anno di attività, gli obiettivi futuri e i progetti che coinvolgeranno la rete agenti.

A maggio dello scorso anno la Banca di Sassari è diventata la consumer finance del Gruppo Bper. Cosa è cambiato rispetto al passato?
L’inserimento della Banca di Sassari come società prodotto del gruppo, sia in ambito monetica che consumer finance, cambia molte cose nello scenario al quale fare riferimento. Da un lato ci consente, tramite la rete degli agenti, di poter lavorare su un portafoglio di clienti di tutto rispetto. Parliamo di quasi 2 milioni di clienti family del Gruppo BPER. Dall’altro lato consente alle banche di poter disporre di un team fortemente professionalizzato di agenti in grado di portare le proprie competenze al servizio del gruppo stesso, in un segmento, ma non solo, di grande interesse come quello della cessione del quinto.

Quali sono gli obiettivi della nuova Banca di Sassari?
Il piano industriale 2015-2017 del Gruppo BPER prevede per la nostra banca obiettivi di crescita ambiziosi che saranno riconfermati anche nel nuovo piano industriale (attualmente in corso di definizione), attestando così un ruolo di rilievo per la Banca di Sassari all’interno del gruppo. I prodotti su cui stiamo concentrando le nostre attenzioni sono i prestiti personali, che hanno raggiunto già da quest’anno risultati rilevanti, e la cessione del quinto, per la quale sarà il 2018 l’anno di conseguimento di obiettivi ambiziosi. Da non dimenticare che, al momento, abbiamo forti margini di crescita anche sulla clientela captive delle banche del gruppo, che può rappresentare un serbatoio dal quale estrarre valore per diversi anni.

Quali saranno i progetti futuri che coinvolgeranno la rete agenti?
Direi che vale quanto detto prima. Per noi gli agenti rappresentano il fattore abilitante per il conseguimento dei nostri obiettivi e, come sempre capita quando si parla di obiettivi di business, gli affari si fanno in due: se nel gruppo esiste del valore da estrarre, andrà a beneficio di tutti gli stakeholder, e i nostri agenti sono in prima fila in questo discorso.

In futuro la rete agenti potrà distribuire tutti i prodotti della consumer finance?
Sì, già da ora i nostri agenti possono segnalare alle banche del gruppo sia mutui a privati che aperture di nuovi conti correnti. Seguiranno i prestiti personali, e poi si vedrà. Siamo però convinti che per mantenere in casa una rete di professionisti di valore sia necessario fornire loro tutte le leve di business necessarie, nell’interesse di tutti coloro che partecipano al processo.

Qual è il valore aggiunto della rete di agenti nella gestione del cliente interno?
Ho parlato prima di fattore abilitante. Credo che il ruolo degli agenti sia insostituibile sia nella cessione del quinto, dove le competenze tecniche degli agenti e la loro capacità di presidio del segmento sono un elemento differenziante, sia negli altri segmenti, dove stiamo consentendo ai nostri agenti di mettere a frutto, con il meccanismo delle segnalazioni, la loro rete di conoscenze, con un approccio di tipo win win.

Come sta andando il progetto?
Bene. Esiste un fortissimo commitment del top management del gruppo sul nostro progetto e sui risultati che potrà conseguire. Questo, se si configura da un lato come una grande responsabilità, rappresenta però dall’altro un elemento di grande stimolo per tutti noi.

Giorgio Lippi, direttore generale Banca di Sassari: “I nostri agenti sono fondamentali per il raggiungimento degli obiettivi che ci siamo dati” ultima modifica: 2017-07-29T09:24:00+00:00 da Pubbliredazionale

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: