Gran Bretagna: a settembre mutui e prestiti in crescita

Il dato di settembre relativo al credito al consumo nel Regno Unito è cresciuto di 1,2 miliardi di sterline, ben oltre le attese degli economisti, pari a 0,13 miliardi, e in decisa controtendenza rispetto al decremento di 0,1 miliardi registrato nel mese di agosto. Lo riferisce la Bank of England. Secondo l’istituto i prestiti netti ai privati sono cresciuti di 1,7 miliardi, a fronte di un incremento pari a 0,6 miliardi atteso dagli economisti. Il valore dell’indice del mese precedente è stato rivisto al rialzo da meno 0,4 a meno 0,3 miliardi. Sempre a settembre le approvazione di mutui per abitazioni sono state oltre 50.000, in espansione rispetto alle 47.921 di agosto (dato, peraltro, successivamente corretto al ribasso: 47.665).

Nonostante i valori postiti registrati, però, gli addetti ai lavori preferiscono continuare a non sbilanciarsi sulle concrete prospettive di ripresa. “Una cosa che ci sembra molto evidente è che il recupero e il riassestamento dell’economia del Regno Unito procede ad andatura lenta e incerta”, ha detto nei giorni scorsi il governatore della BoE, Mervyn King. Il numero uno della Old Lady of Threadneedle Street, come gli inglesi chiamano affettuosamente il loro istituto centrale, ha assicurato che la banca è pronta a iniettare liquidità aggiuntiva nella fragile economia britannica se i recenti segnali di recupero dell’economia dovessero svanire.

“La commissione per la politica monetaria (Mpc) valuterà seriamente la possibilità di un ampliamento del piano di acquisti, ma se le condizioni economiche dovessero deteriorarsi allora la Mpc sarà pronta a immettere nuovo denaro nell’economia”, ha spiegato King.

Dopo tre trimestri di performance negative, tra luglio e settembre i principali indicatori economici del Regno Unito hanno mostrato leggeri ma significativi segni di miglioramento. Tuttavia molti esperti hanno sottolineato che il Paese deve ancora misurarsi con i provvedimenti di austerity adottati dal governo e con le minacce collegate alla crisi del debito.

Inoltre il costo di finanziamento per le banche britanniche continua a essere troppo elevato per i cittadini. Il Funding for lending scheme recentemente introdotto dalle autorità serve appunto a far sì che la Bank of England fornisca finanziamenti vantaggiosi agli istituti disposti a concedere mutui ipotecari e prestiti alle imprese. Ma, sostengono gli addetti ai lavori, il tempo passato dalla sua adozione non è ancora sufficiente per capire se la misura stia sortendo gli effetti sperati.

 


Gran Bretagna: a settembre mutui e prestiti in crescita ultima modifica: 2012-10-29T17:48:49+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: