Gran Bretagna, la seconda fase dell’Help to buy scheme sta generando un aumento delle domande di mutuo

MortgageLa seconda fase dell’Help to buy scheme del governo britannico sta portando un deciso incremento delle domande di mutuo. Secondo quanto riferisono Halifax e la Royal bank of Scontland, nel primo mese di funzionamento del programma le domande di finanziamento per l’acquisto di immobili pervenute sono state 2.384, per un controvalore potenziale di 365 milioni di sterline (circa 435 milioni di euro).

L’Help to buy scheme è stato lanciato dal governo di Londra lo scorso aprile per agevolare la concessione di mutui da parte di banche e istituti. Nella prima fase di attuazione il programma era rivolto esclusivamente agli acquirenti di una prima casa e alle abitazioni di nuova costruzione.

Nell’estendere il provvedimento le autorità hanno rimosso questi limiti, inasprendo ulteriormente le critiche da parte di coloro che sostengono che un simile strumento sia destinato nel lungo periodo a generare una bolla immobiliare.

I dati forniti da Halifax e dalla Royal bank of Scotland mostrano che la maggior parte delle domande di mutuo pervenute nel primo mese di estensione dell’Help to buy scheme la maggior parte delle richieste di prestito per l’acquisto di immobili sono state inoltrate da giovani coppie con un reddito annuo inferiore a 50.000 sterline per comprare abitazioni del valore medio di 167.000 sterline (circa 199.000 euro).

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Gran Bretagna, la seconda fase dell’Help to buy scheme sta generando un aumento delle domande di mutuo ultima modifica: 2013-11-11T13:01:39+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: