Gruppo Cassa Centrale, al via la società di credito al consumo Prestipay

PrestyPay LogoGruppo Cassa Centrale fa un nuovo passo nel consolidamento dell’offerta di prodotti e servizi con l’avvio dell’operatività di Prestipay s.p.a., che segna un altro traguardo di una partnership industriale iniziata nel 2018 tra Cassa Centrale Banca e Deutsche Bank.

Prestipay s.p.a, spiega una nota, è una controllata di Cassa Centrale Banca al 60% e partecipata da Deutsche Bank al 40%, ed è presieduta da Diego Ballardini Margonari e diretta da Paolo Massarutto, che ha coordinato la realizzazione del progetto per consentire la distribuzione diretta ed omnichannel di prodotti di credito al consumo. La nuova società arricchisce l’offerta di prodotti e servizi del Gruppo: lo sviluppo del segmento credito al consumo consentirà infatti di rispondere in maniera sempre più efficace e strutturata alle esigenze finanziarie della clientela privata e delle famiglie socie e clienti delle Bcc – Casse Rurali – Raiffeisenkassen.

“L’attenzione al servizio offerto alle persone – ha spiegato il presidente della Società Diego Ballardini – è uno dei nostri obiettivi primari, forniamo prodotti flessibili alle famiglie clienti delle nostre Banche di Credito Cooperativo, che sono pensati e realizzati sulla base delle loro esigenze”.

La nuova offerta, con soluzioni ad hoc, introduce elementi di forte innovazione rispetto ai servizi erogati fino ad oggi attraverso l’accordo commerciale e distributivo.

“Innovare il nostro modello di servizio, flussi e processi, migliorando al contempo l’offerta di prodotto per rispondere alle nuove esigenze delle Banche partner e della loro clientela retail – ha sottolineato il direttore generale Paolo Massarutto – ha costituito uno dei driver dello sviluppo del progetto Ict della Società. In risposta alle esigenze di clienti sempre più attenti anche alla sostenibilità, grazie all’introduzione di soluzioni di firma digitale e archiviazione dematerializzata oggi siamo in grado di offrire un’operatività completamente paperless per la gestione delle richieste di finanziamento”.

La società sarà in grado di offrire soluzioni e servizi in linea con le best practice di mercato, grazie all’introduzione di funzionalità online fruibili direttamente dai device di riferimento, con l’impiego di tecnologie e processi completamente digitalizzati.

In base alle previsioni per il 2021, la completa digitalizzazione dei processi e quindi l’assenza di carta produrrà un risparmio stimato in 3,5 tonnellate di anidride carbonica, che si aggiunge ad un’ottimizzazione in termini di tempo e alla comodità di archiviazione.