I nuovi giovani e le banche: la “Generazione y” rappresenta un potenziale di circa il 16% dei ricavi futuri

Sono quasi 10 milioni in Italia i giovani di età compresa fra 15 e 29 anni, circa il 16% della popolazione nazionale, una generazione con comportamenti e stili di vita profondamente diversi rispetto al passato.
Sono i clienti di domani e per le banche valgono molto

Lo studio di Banca Monte dei Paschi evidenzia che il loro contributo al conto economico delle banche è destinato ad aumentare nel tempo secondo una curva di crescita che le stesse possono notevolmente influenzare intervenendo con strategie dedicate. Si stima che il valore attuale dei ricavi ottenibili rappresenti il 16% dei ricavi futuri delle banche italiane, pari a un valore complessivo di 135 miliardi di euro (di cui 13 mld derivanti dall’attivazione di strategie mirate).

Chi sono “Nativi digitali”
Sono cresciuti nell’era di internet e delle tecnologie, utilizzate per comunicare ma anche per gestire ed organizzare esigenze quotidiane e interessi personali. Il 39,5% possiede uno smartphone e quasi il 90% dei giovani che navigano in Internet è iscritto a Facebook. Si informano attraverso Google e social network: il 66% di loro cerca notizie quasi esclusivamente attraverso Internet e motori di ricerca.

Una generazione da sostenere
Sono circa 6 milioni i giovani che vivono in famiglia. Il tasso di disoccupazione è tra i più alti in Europa (29,3%). Il livello di istruzione, invece, è elevato. Hanno alte aspettative su carriera e stile di vita, sebbene in questa fase economica siano spesso costretti a confrontarsi con esperienze di lavoro instabili e poco gratificanti.

Comportamenti finanziari all’insegna della semplicità e dell’utilizzo delle nuove tecnologie
Rappresentano circa il 20% della clientela bancaria. Hanno un alto livello di “bancarizzazione”: circa il 90% possiede un conto corrente. Prediligono prodotti semplici (conti correnti, carte di credito e di debito e piccoli prestiti) e hanno una modesta propensione all’investimento e al risparmio. A differenza dei loro genitori, sono inclini a cambiare spesso banca, a seconda dei propri valori e delle esigenze del momento.

Le best practice internazionali nella gestione della “GEN Y” si concentrano su approcci dedicati, educazione finanziaria e l’utilizzo canali di comunicazione rispondenti alle loro esigenze
Le best practice internazionali puntano ad affiancare i giovani nei momenti chiave della vita personale e professionale, a supportarli nelle scelte finanziarie attraverso un’adeguata educazione finanziaria e raggiungerli attraverso mobile e social network.

I nuovi giovani e le banche: la “Generazione y” rappresenta un potenziale di circa il 16% dei ricavi futuri ultima modifica: 2011-11-07T16:42:18+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: