IBL Banca lancia ContoSuIBL a zero spese

IBL Banca ha presentato ContoSuIBL, il conto deposito del gruppo bancario senza costi di apertura, gestione, chiusura, senza canone mensile e con anche l’imposta di bollo a carico di IBL Banca.

Con ContoSuIBL è possibile vincolare delle somme per avere un rendimento lordo garantito più elevato. Non solo, ma alle formule già disponibili, si aggiungono i depositi vincolati a 24 e a 3 mesi, e con la nuova offerta per attivazioni dal 2 maggio al 30 giugno 2011 IBL Banca aumenta dello 0,25% il rendimento lordo sui depositi vincolati a 18, 12 e 6 mesi.

Per attivazioni entro il 30 Giugno 2011, ContoSuIBL libero garantisce invece, fino al 31 dicembre 2011, il rendimento lordo del 2,50% sulle somme depositate fino a 500.000 euro, mentre per importi oltre tale limite il rendimento è dell’1,50%.

Con il conto deposito libero i clienti non hanno vincoli di tempo, possono ritirare i soldi quando preferiscono, senza perdere gli interessi maturati. Versamenti e prelievi avvengono con bonifici bancari attraverso il servizio di internet banking oppure le filiali IBL Banca.

 “Con ContoSuIBL mettiamo a disposizione un conto deposito, a zero spese, remunerativo e con un ventaglio di proposte piuttosto ampio che ora include anche i vincoli a 24 mesi e a 3 mesi – spiega Mario Giordano, amministratore delegato del Gruppo Bancario IBL Banca –. Abbiamo diversificato l’offerta per soddisfare maggiormente quanti sono interessati a forme di investimento a breve e a medio termine. Le nuove condizioni per attivazioni entro il 30 giugno 2011 tengono naturalmente conto dell’andamento del mercato e confermano la scelta di rafforzare la competitività di ContoSuIBL e fidelizzare la nostra clientela”.

Una volta aperto, ContoSuIBL può essere gestito online e con la protezione di  Sicurcode, un dispositivo elettronico gratuito per tutto il 2011 per gli utenti di contratto internet banking Dispositivo.

Leggi il prospetto informativo

IBL Banca lancia ContoSuIBL a zero spese ultima modifica: 2011-04-29T16:37:39+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: