Il buy-to-let non sarà regolamentato dalla normativa UE sui mutui. Previste nuove concessioni alle banche

 

La scorsa settimana uno dei due comitati europei che ha in incarico la stesura della normativa – l’Internal Markets and Consumer Protection committee (IMCO) del Parlamento europeo – ha pubblicato un rapporto con le proposte avanzate dalla Commissione al testo di legge, cui ha fatto seguito la settimanale newsletter del CML, News & Views, nella quale il Council esprime apprezzamento per la politica dell’IMCO secondo cui non è possibile uniformare, attraverso un’unica legge, prodotti e mercati diversi. La questione è spinosa da tempo, e il tema dell’uniformità delle diverse leggi europee in materia di mutui sotto un solo cappello normativo ha suscitato un lungo dibattito. La questione del buy-to-let è soltanto l’ultimo capitolo della serie.

“Siamo convinti – si legge nella newsletter del CML – che sia inappropriato regolamentare il buy-to-let secondo principi europei finalizzati alla tutela dei consumatori, e allo stesso tempo crediamo che le modifiche al testo di legge UE non debbano riguardare questa particolare tipologia di prodotto”.

Non solo: nel testo reso noto dall’IMCO sono contenute anche una serie di proposte che vengono incontro agli istituti di credito, messi in difficoltà da una prima stringente normativa comunitaria. È stato infatti cancellato l’obbligo per le banche di spiegare ai propri clienti le motivazioni per cui un mutuo non viene loro concesso, mentre l’attività di consulenza a vantaggio dei consumatori dovrebbe essere ridotta a un numero esiguo di prodotti, a fronte dall’ampio range che il testo UE di partenza prevedeva. Le motivazioni di questo cambio di rotta sono da ricercarsi nella volontà da parte degli istituti di credito di fornire consulenza solo sui propri prodotti, così da scongiurare il pericolo – insito nella direttiva originaria – di doverla garantire anche per i prodotti delle banche rivali.

Robert Sinclair, direttore della Association of Mortgage Intermediaries (AMI) ha così commentato: “Da un punto di vista dell’intermediazione creditizia, il nuovo testo va un po’ troppo a tutelare gli interessi degli istituiti di credito”. Il testo dell’IMCO, ricordiamo, verrà dibattuto e votato dal Parlamento europeo all’inizio del mese prossimo.

Il buy-to-let non sarà regolamentato dalla normativa UE sui mutui. Previste nuove concessioni alle banche ultima modifica: 2011-10-14T06:57:40+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: