Il Data Book di Mba: real estate in ripresa dopo la crisi

Tuttavia se è vero che ci sono stati segnali positivi è anche vero che il vento della ripresa non ha soffiato così forte come si sperava. Infatti è tornato a crescere il volume delle transazioni, i prezzi delle proprietà hanno mostrato un timido così come le richieste di finanziamento, seppur con qualche incoerenza frutto di una crisi che non è del tutto alle spalle. È noto, però, che nel mondo economico ogni crescita accelera la guarigione, mentre le frenate bloccano il ciclo della ripresa.

Correttamente si può però sottolineare come, in linea generale, per la maggior parte delle proprietà la percentuale di vacancy rate resta elevata (la percentuale delle unità abitative non occupate o non in affitto, ndr) mentre i prezzi non sono cresciuti come ci si attendeva e restano lontano dai picchi più alti raggiunti. È però anche giusto sottolineare come flusso del ciclo immobiliare sia in ripresa e, come detto, i segnali di ripresa sono visibili: infatti il miglioramento delle condizioni economiche a livello internazionale è destinato a stabilizzare il mercato del real estate.

Una crescita, quella dell’immobiliare, che sarà ovviamente dettata dal tasso di crescita economica e da come investitori e sviluppatori sapranno prevedere e affrontare i cambiamenti.

Il Data Book raccoglie le informazioni più aggiornate relative al mercato real estate commerciale e multi family, e include i principali trend che riguardano la vendita di proprietà, il mercato dei mutui e  le eventuali insolvenze.

Il Data Book di Mba: real estate in ripresa dopo la crisi ultima modifica: 2011-07-11T07:23:43+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: