Il prestito personale della SPERANZA di Banca Popolare dell’Emilia Romagna

Il Gruppo BPER offre una vasta gamma di prodotti ai suoi clienti; tra questi abbiamo numerosi prestiti, che costituiscono una parte rilevante dell’offerta; sono previsti prestiti personali non finalizzati e prestiti finalizzati. Uno di questi è il prestito della SPERANZA. Vediamo insieme i dettagli.

 

Il prodotto
Il prestito personale della SPERANZA erogato dalla Banca Popolare dell’Emilia Romagna (BPER) è un finanziamento agevolato a tasso fisso e rate costanti, pensato per tutte quelle famiglie che si trovano in condizioni di difficoltà economica. Il prestito in particolare nasce da un’iniziativa intrapresa dalla Conferenza Episcopale Italiana (CEI) e dall’Associazione Bancaria Italiana (ABI), che mette a disposizione delle banche che aderiscono all’iniziativa finanziamenti a condizioni agevolate, assicurati dal fondo straordinario di garanzia chiamato “CEI – Prestito della SPERANZA”.

I clienti che volessero accedere al prestito della SPERANZA potranno contare su un importo erogabile di massimo 6.000,00 euro, con durata del piano di ammortamento che può essere al massimo di 60 mesi (5 anni). Le rate, di importo costante e comprensive di quota capitale e quota interessi, devono essere rimborsate mensilmente, dopo i 12 mesi previsti per il preammortamento.

L’offerta di Banca Popolare dell’Emilia Romagna
Oltre al prestito della SPERANZA, nell’offerta prestiti BPER troviamo tante altre tipologie di finanziamento. Abbiamo ad esempio prestiti personali non finalizzati, come Prestito Fragola Blu e prestiti finalizzati, come Prestito Libri Zero, Prestito Computer Zero, BPR Quinto e BPER Elios. Interessanti anche le offerte di finanziamento per le imprese, che vanno a coprire le più svariate esigenze: dall’acquisto di beni solidi e di consumo, alla realizzazione di impianti dedicati alle energie rinnovabili.

Il prestito personale della SPERANZA di Banca Popolare dell’Emilia Romagna ultima modifica: 2012-05-03T15:49:58+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: