Immobili, Reag: le previsioni per il mercato degli uffici nel 2011 e nel 2012

I valori di compravendita, così come i canoni, si manterranno mediamente stabili sui valori raggiunti a fine 2010. “Il tasso di sfitto continuerà a crescere ma solamente per immobili di classe B e per quelli in localizzazioni secondarie – precisa l’analisi -. La domanda di spazi di categoria A in locazione è in ripresa specialmente nelle grandi città dove sta tornando vivo l’interesse di investitori sia italiani che stranieri”.

Le previsioni per il 2011
Secondo i risultati del modello econometrico, utilizzato per prevedere l’andamento dei valori immobiliari, per il 2011 si prevede ancora una correzione al ribasso dei prezzi reali medi degli uffici che registreranno una flessione del 3,6%. “Nelle zone di pregio e in quelle centrali i decrementi saranno lievi mantenendo sostanzialmente stabili i prezzi in termini correnti mentre le flessioni maggiori sono previste nel semicentro e in periferia” si legge in una nota. Tra le maggiori città italiane si prevede un andamento positivo dei valori solamente a Bologna, pur con considerevoli differenze a seconda della zona.

Le previsioni per il 2012
Considerato l’attuale quadro macro-economico e l’andamento di offerta e scambi sul mercato terziario, anche per il 2012 non si prevede un’inversione di tendenza in termini reali per i prezzi medi, che dovrebbero decrescere di un ulteriore 0,9%. Per quanto riguarda le singole città le previsioni migliorano per tutte ad eccezione di Milano, che si mantiene negativa, e di Bologna.

Immobili, Reag: le previsioni per il mercato degli uffici nel 2011 e nel 2012 ultima modifica: 2011-02-03T08:19:20+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: