Immobiliare, AdE: nel primo trimestre compravendite in calo del 3,4%

Agenzia Entrate LogoNel primo trimestre del 2015 il mercato immobiliare italiano ha registrato una flessione erodendo, in parte, i rialzi registrati durante il corso del 2014. Secondo la nota trimestrale dell’Osservatorio sul mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate il tasso tendenziale riferito al complesso delle compravendite risulta in calo del 3,4%.

La perdita ha riguardato tutti i comparti del mercato immobiliare, sia pure con intensità diverse. La contrazione maggiore ha interessato il segmento produttivo con un calo percentuale (-7,1%) più che doppio rispetto al dato complessivo. Particolarmente negative sono state anche le performance del resto dell’immobiliare non residenziale: -6,4% il terziario, -5,2% il commerciale. Il segmento abitativo ha visto ridursi le transazioni di circa 3.000 unità facendo registrare una variazione pari al -3%. Più o meno in linea con questo dato sono stati i risultati del mercato delle pertinenze, riconducibili in larga parte a immobili al servizio delle abitazioni quali cantine, box e posti auto, in calo del 3,6%, nonché la categoria “altro” in cui confluiscono gli immobili non diversamente classificabili, con scambi in discesa di poco più di 3 punti percentuali.

La nota specifica che i primi tre mesi del 2015 sono stati raffrontati con quelli del 2014, periodo in cui sono stati formalizzati molti acquisti che erano di fatto conclusi a fine 2013, proprio per avere i vantaggi fiscali rappresentati dall’applicazione di aliquote ridotte. Quindi, analizzando lo stesso dato depurato dalle transazioni avvenute nel primo trimestre 2014 per il nuovo regime fiscale agevolato, emerge nel primo trimestre 2015 un leggero rialzo del mercato immobiliare delle abitazioni, che segna un +0,8%, rispetto al dato osservato al lordo dell’effetto fiscale, che invece registra un calo del 3%.

Il mercato delle abitazioni

Sempre nel primo trimestre del 2015 le compravendite di abitazioni sono state 95.448, in calo del 3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. La perdita maggiore è stata registrata al Centro (-7,3%), che segue una serie di rialzi, anche in doppia cifra, rilevati nel corso di tutto il 2014. Al Nord è stato registrato un -2,4%, un valore poco al di sotto del dato nazionale, mentre al Sud è stato riportato un -0,8%.

La situazione nelle grandi città

Tra le principali città, ha fatto un balzo in avanti il mercato delle abitazioni a Palermo (+11,2%), seguito da Napoli (+3,6%) e Milano (+2%). Situazione pressoché stabile a Bologna (-0,1%) e Firenze (-1%); in calo, invece, Genova (-18,9%), Roma (-11,4%) e Torino (-9,5%). Rispetto ai Comuni capoluogo, che hanno perso il 4,6%, quelli non capoluogo sono riusciti a contenere le perdite, assestandosi a un -2,2%.

Leggi il comunicato

Immobiliare, AdE: nel primo trimestre compravendite in calo del 3,4% ultima modifica: 2015-06-08T12:18:44+00:00 da Paolo Tosatti

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: