Immobiliare Australia: per gli esperti prezzi delle case stabili nel 2013

“Affermare che il prezzo delle abitazioni è destinato ad aumentare basandosi sugli ultimi dati raccolti è un po’ come sostenere che siccome oggi fa caldo (l’esperta parla durante l’estate australe, ndr) il prossimo inverno sarà mite”. Invitando i lettori a non lasciarsi andare a facili entusiasmi, Irvine ha ricordato che i tassi di interesse sui mutui si muovono in maniera ciclica, con una media di lungo periodo pari al 7,5%. Anche se attualmente i tassi fissati dalla Reserve bank of Australia sono molto più bassi, cosa che secondo alcuni spingerà in alto la domanda di case, con conseguente aumento del loro costo, quello che si deve valutare, ha sottolineato l’economista, è il trend complessivo dei prossimi anni.  

Per dimostrare la sua tesi Irvine ha citato l’ultimo Residential mortgage briefing di Finch, che prevede che il mercato immobiliare australiano sarà tra i più stabili del 2013, con prezzi delle abitazioni sostanzialmente invariati.

“Fitch si aspetta che il costo delle abitazioni nel 2013 non registri grandi variazioni”, ha spiegato l’editorialista. “Nonostante i recenti tagli da parte dell’Rba, infatti, i consumatori australiani restano cauti e in generale non sembrano propensi ad accollarsi debiti”.

Irvine ha aggiunto che nell’ultimo lustro i prezzi delle case hanno segnato una crescita media annua di appena l’1,9% e che dunque gli investitori avrebbero ottenuto di più lasciando i loro soldi in banca piuttosto che acquistando immobili. “Una generazione fortunata di anziani australiani più ricchi è cresciuta vedendo i prezzi delle case aumentare costantemente. Ma lo hanno fatto a spese dei loro figli. È difficile ipotizzare per quest’anno un incremento significativo del costo delle abitazioni, a meno che non subentri un fattore che agevoli la possibilità di singoli e famiglie di contrarre un prestito immobiliare”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Immobiliare Australia: per gli esperti prezzi delle case stabili nel 2013 ultima modifica: 2013-01-10T09:43:38+00:00 da Flavio Meloni

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli che potrebbero interessarti: